• GreenStyle
  • Pets
  • Gatto Steak, duemila chilometri per trovare la casa dei sogni

Gatto Steak, duemila chilometri per trovare la casa dei sogni

Gatto Steak, duemila chilometri per trovare la casa dei sogni

Fonte immagine: Unsplash

Il gatto Steak ha viaggiato per duemila chilometri sfidando il lockdown pur di raggiungere finalmente l'amore della sua nuova casa.

Ci sono voluti un lockdown e duemila chilometri perché il gatto rosso Steak trovasse la famiglia dei suoi sogni, lasciandosi alle spalle una vita di stenti e di randagismo. Eppure all’inizio in pochi avrebbero scommesso su un esito così bello. In particolare visto il carattere scontroso e diffidente del micione dal broncio perenne. Steak era stato trovato mentre girava stanco e affamato per le strade di Los Angeles, ricoperto da rogna sarcoptica. Era finito presso il rifugio Best Friends Animal Society di Los Angeles, dove aveva ricevuto cure e amore.

Nonostante il carattere scontroso e svariati problemi di salute il micio si era dimostrato affettuoso e desideroso di interagire. Tanto da salutare il passaggio di tutti quelli che transitavano davanti alla sua gabbia. La sua presenza non era passata inosservata e di lui si era innamorata Diane, un ex membro dello staff ora in forze come volontaria. La donna e il personale erano riusciti a diminuire l’atteggiamento scontroso di Steak, semplicemente con attenzioni e carezze di cui non era mai sazio.

Gatto Steak, dal lockdown alla casa nuova

La mancanza di stabilità aveva messo in evidenza una serie di problemi intestinali, causati dallo stress, e un’infezione agli occhi che gli procurava prurito, ma questo non aveva limitato l’interesse nei suoi confronti. La sponsorizzazione attraverso la pagina social del rifugio aveva favorito per lui un’adozione rapida. Per poi farvi purtroppo ritorno a distanza di mesi, così Diane aveva deciso di prendersene cura riconoscendo anche l’origine dei problemi oculari. Il gatto era stato colpito da entropion ovvero la rotazione interna della palpebra, una condizione risolvibile grazie alla chirurgia.

Il gattone aveva finito per vivere in stallo da Diane e sua moglie Karen proprio durante il lockdown, partecipando attivamente alle videochiamate tra amici. La sua innegabile personalità non era passata inosservata tanto da colpire il loro amico di Houston, Doug. Stek aveva rivelato un carattere divertente, fedele, una personalità marcata e molto ironica tanto da sembrare un cane. L’uomo si era così innamorato del gattone e, al prima via libera possibile, le due donne avevano organizzato un viaggio di cinque ore trasportando Steak da Los Angeles a Houston.

Duemila chilometri con pause e pic-nic che il micione aveva accolto con serenità e curiosità per poi finire tra le braccia di Doug, ma principalmente sul suo divano. In soli tre giorni Steak aveva stabilito un nuovo legame d’amore con l’uomo e con gli altri gatti di casa, con cui condivide fusa e toelettature amorevoli. Ora è Doug che aggiorna tutti sulle vicende di Steak che appare visibilmente sereno e in pace con il mondo.

Fonte: Best Friends, save them all

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Coppia si sposa in un rifugio per gatti