• GreenStyle
  • Pets
  • Gatto e cane: medicine, trucchi e soluzioni per somministrarle correttamente

Gatto e cane: medicine, trucchi e soluzioni per somministrarle correttamente

Gatto e cane: medicine, trucchi e soluzioni per somministrarle correttamente

Fonte immagine: Pixabay

Somministrare le medicine al cane e al gatto potrebbe rivelarsi un compito arduo, per questo è bene chiedere consiglio al medico e armarsi di pazienza.

Dare le medicine al gatto o al cane di casa potrebbe apparire una missione quasi impossibile da portare a termine, in particolare se si convive con un quadrupede poco collaborativo. Il timore di ricevere graffi, morsi, zampate o agguati potrebbe rivelarsi reale, come l’impossibilità di distrarlo offrendogli cibi prelibati e ghiottonerie. Trucchi e strategie potrebbero fallire, ma esistono delle soluzioni valide per portare a termine la sfida, senza soccombere agli artigli del felino oppure ai denti del cane di casa. Quest’ultimo potrebbe rivelarsi maggiormente collaborativo, perché innatamente goloso e quindi più facilmente ingannabile, ma per risolvere la situazione basta armarsi di pazienza e di buone maniere, senza stimolare l’ira dell’animale.

Medicine liquide e in polvere

Le medicine liquide e in polvere sono le più semplici da somministrare, perché si possono mescolare con il pasto, meglio se preparato con qualche prodotto molto appetibile. Nel caso fossero inodore e insapore, è possibile mixarle con carne trita, macinato, pesce fresco ma cotto, quindi la pelle croccante del pollo arrosto, un insieme di sapori interessanti ed accattivanti. Più il preparato è goloso e fuori dal solito menu consueto, maggiore sarà la possibilità di riuscita, tanto da superare la naturale ritrosia del gatto e la diffidenza del cane.

Nel caso la medicina presentasse odori e sapori sgradevoli, potrebbe risultare più saporita se mescolata con poca panna da cucina, da spennellare tra le zampette e sul naso del felino, in modo da spingerlo a pulirsi e quindi ad assumerla. Se invece è liquida, nulla di più facile se non confonderla con il cibo oppure, nel caso del felino, è possibile somministrarla con l’aiuto di una siringa rigorosamente senza ago. Per il cane, la possibilità di aggiungerla a prodotti davvero saporiti e molto profumati è una carta del tutto vincente, in grado di distrarlo fino a ingerirla, ma è fondamentale variare ogni volta la tipologia di cibo utilizzato, senza aggiungerla al pasto consueto.

Pastiglie

Cane
Fonte: Unsplash

Per quanto riguarda il gatto, la situazione si complica in presenza delle pastiglie, da maneggiare lontano dalla sua vista perché potrebbe riconoscere il prodotto, oltre al rumore della scatola che le contiene. Per camuffare il sapore si possono inumidire con olio d’oliva o del burro, nonché olio di pesce o pasta d’acciughe, per poi avvolgerle in un bocconcino imperdibile, come ad esempio il grasso del prosciutto crudo.

Se il micio è collaborativo potrebbe mangiare il tutto senza indugi: in caso contrario, andrà leggermente immobilizzato e aiutato nell’assunzione. Non è una pratica facile ed è anche rischiosa, perché l’animale potrebbe divincolarsi, reagire o sputare il farmaco. Allo stesso modo, è vietato lanciare la pastiglia in gola, perché potrebbe soffocarlo. Meglio aprire la bocca con una mano appoggiando con l’altra il prodotto sulla lingua, alla chiusura si dovrà massaggiare la gola per favorire la deglutizione.

Il cane risulta invece più facile da gestire, si potrà confonderlo nascondendo la pastiglia all’interno di una piccola polpettina o di un cubetto di prosciutto, in caso contrario è bene procedere aprendo le fauci con delicatezza, come già spiegato per il gatto. Anche in questo caso non è bene improvvisarsi ma chiedere consiglio al veterinario, con tanto di dimostrazione pratica. Se fattibile, si può risolvere sbriciolando la pastiglia e camuffandola nel cibo.

Occhi, orecchie e pomate

Nel caso di gocce oculari e oftalmiche è necessario maneggiare l’animale così da inclinare la testa, per ricevere la giusta dose di farmaco. Come già suggerito, è necessario chiedere consiglio al medico per poter agire consapevolmente e nel modo più giusto. Per quando riguarda creme e pomate si può distrarre l’amico prolungando l’azione con un massaggio, così da rilassarlo e tranquillizzarlo. L’operazione andrà svolta in un ambiente tranquillo e in una condizione di pieno relax, magari facendolo sdraiare sul letto e somministrando il prodotto tra una carezza e l’altra: il tono di voce dovrà risultare calmo e rilassante.

Consigli

Gatto relax

Meglio armarsi di molta pazienza agendo con calma e rispettando le necessità dell’animale, evitando il fai da te o l’inserimento diretto delle dita tra i suoi denti. La preparazione del bocconcino o del pasto medicato andrà eseguito al di fuori dal suo campo visivo, in modo da impedire un eventuale rifiuto. Se invece l’amico è particolarmente nervoso, è meglio proteggere braccia e mani con un giubbotto resistente e dei guanti pesanti e, nel caso del gatto, anche il viso con degli occhiali o magari una sciarpa.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!