Gatti più felici se si impegnano per il cibo

Gatti più felici se si impegnano per il cibo

Fonte immagine: Pexels

I gatti sono più felici se si impegnano per ottenere il loro cibo, ad esempio con giochi e puzzle da risolvere: lo svela uno studio USA.

I gatti potrebbero essere più felici se costretti a impegnarsi maggiormente per ottenere il cibo. È quanto rivela un nuovo studio condotto dall’Università della California Davis, pronto a sottolineare come la curiosità del gatto debba essere sempre stuzzicata, anche al momento del pasto. Ovviamente, non si tratta di sottoporre il felino alla fame oppure obbligarlo a tornare alla caccia in natura, bensì provvedere alle sue necessità psicologiche con delle attività a tema, come puzzle, nascondigli, giochi dove nascondere delle crocchette e molto altro ancora.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Feline Medicine and Surgery, spiega come i gatti non vogliano solamente essere alimentati, desiderano “conquistare” il loro cibo. Si tratta di una necessità dovuta alla loro natura innata di cacciatori, considerato come in natura questi animali siano particolarmente eccellenti nel catturare le loro prede.

I ricercatori hanno coinvolto 3.192 proprietari di gatti, di cui il 30% utilizza regolarmente dei giochi per fornire il cibo al gatto, il 52% non ha mai provato questo metodo e il 18% ha deciso di farne a meno. Tramite delle survey, è emerso che i felini che possono contare di una certa attivazione sia fisica che mentale per ottenere il cibo vedano condizioni psicologiche e di salute decisamente migliori rispetto agli altri gruppi.

Mikel Delgado, uno dei ricercatori alla base dello studio, ha sottolineato come questo istinto primordiale sia rimasto intatto nel felini, nonostante l’addomesticamento e l’introduzione di nuove abitudini alimentari. Ma come abituare il micio di casa a un giocattolo, un puzzle che richiede all’animale di compiere certe azioni prima di riuscire ad assaggiare la sua pietanza preferita? È sempre l’esperto a spiegarlo:

Quando si comincia con un gioco a base si cibo, le prime volte è importante renderlo semplice, affinché l’animale possa comprendere il funzionamento senza rimanerne frustato. Allo stesso tempo, bisogna accertarsi sia sufficientemente stimolante affinché vi sia una stimolazione mentale.

In commercio si trovano numerosissimi prodotti adatti a questo scopo: nella maggior parte dei casi si tratta di palline di plastica dura, con dei fori lungo la superficie: quando il gatto spinge la pallina in una precisa direzione, quest’ultima lascia cadere a terra delle gustose crocchette.

Fonte: Mercury News

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta