Fusione fredda: ecco i dati del test sull’E-Cat

Fusione fredda: ecco i dati del test sull’E-Cat

Iniziano a circolare i primi dati sull'esperimento d Bologna. La fusione fredda è durata 8 ore, producendo 3KW di calore

Cominciano ad affiorare i primi dati tecnico-scientifici sull’esperimento di ieri a Bologna. Infatti, la rivista svedese NyTeknik – che aveva l’esclusiva sulla notizia per le prime ore – ha iniziato a rilasciare informazioni tecniche e i primi commenti.

Significativo, nella sua brevità, quello del prof. Roland Petterson dell’Università di Uppsala (Svezia):

Sono convinto che funzioni, ma c’è ancora spazio per ulteriori misurazioni.

Da quello che emerge dal documento descrittivo dell’esperimento, a essere attivato è stato un solo reattore di piccole dimensioni. L’E-Cat in generale aveva la forma di un parallelepipedo di 50x60x35 cm. Al suo interno, eccettuate le parti già note e attese del sistema, era del tutto vuoto. La scatola del reattore era di 20x20x1cm e ne conteneva ben tre. Come detto, secondo quanto dichiarato da Rossi, solo uno di questi è stato effettivamente attivato.

Interessante notare come l’E-Cat e lo scambiatore di calore abbiano acquisito peso, anche se di poco, durante l’operazione.

Il reattore è rimasto attivo, fino all’inizio delle procedure di spegnimento, per quasi 8 ore. Ma solo la metà sono state in modalità di autosostentamento. Calcolando il calore prodotto e sottraendo l’energia elettrica immessa per attivare il processo, possiamo concludere che l’E-Cat ha prodotto energia per circa 3 KW. Resta il fatto che questi calcoli sono considerati poco precisi anche da chi l’ha fatti.

ecat esperimento

Per chi volesse tutte le informazioni dettagliate, rimandiamo al documento ufficiale. Auspichiamo, a ogni modo, che Andrea Rossi ripeta un test del genere in situazioni ambientali diverse e per un tempo decisamente più lungo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Bollino etico, la prima passata di pomodoro certificata No Cap