• GreenStyle
  • Consumi
  • Fuoco nella centrale nucleare francese di Penly, spento reattore

Fuoco nella centrale nucleare francese di Penly, spento reattore

Fuoco nella centrale nucleare francese di Penly, spento reattore

Due principi di incendio nella centrale nucleare EDF di Penly, in Francia. Una perdita di olio alla causa dell'incidente. Spento il reattore numero 2.

Due principi d’incendio all’interno della centrale nucleare EDF di Penly, sulla costa francese dello Stretto della Manica. Verso le 12:30 di questa mattina è stato visto uscire dall’impianto del fumo da una stanza all’interno dell’edificio che ospita il reattore numero 2 ed è scattato l’allarme.

A quanto pare, però, non c’è stata propagazione del fuoco anche grazie all’intervento immediato dei pompieri che sono arrivati sul posto con una dozzina di mezzi. Il reattore è stato spento per sicurezza ma EDF assicura che non ci sono stati feriti e non c’è alcun rischio per l’ambiente.

Serge Boulanger, presidente della Commissione Locale per l’Informazione, ha dichiarato all’agenzia di stampa francese AFP:

Il fumo proviene da una pompa dell’acqua per il raffreddamento che ha avuto una fuoriuscita di olio, al livello dell’edificio di contenimento del reattore numero 2

Un portavoce dell’Autorità per la Sicurezza Nazionale ha confermato questa ricostruzione. La pompa andata in avaria, in parole molto semplici e con molta approssimazione, serve insieme ad altre per pompare l’acqua dentro il reattore affinché il liquido estragga il calore prodotto dalla fissione nucleare.

L’acqua calda viene poi diventa vapore che viene inviato alla turbina per produrre l’energia elettrica. Ma, allo stesso tempo, il circolo dell’acqua serve anche a tenere a temperatura controllata il reattore, impedendone il surriscaldamento e la conseguente fusione. Per questo motivo l’intero reattore è stato spento.

La centrale nucleare di Penly, di proprietà di EDF, è stata costruita nel 1980. Ha due reattori di tipo PWR mentre un terzo reattore EPR (la stessa tecnologia che EDF voleva vendere all’Italia tramite l’accordo con l’ENEL bloccato poi dal referendum) è in progettazione. L’attuale potenza della centrale è di 2260 MW.

UPDATE: EDF afferma che la situazione è sotto controllo e che l’allarme è stato ritirato alle 5:15 di questa mattina. Emerge però che vi è stata una perdita d’acqua radioattiva dalla pompa in avaria anche se EDF continua a rassicurare che non vi sia alcun pericolo per l’ambiente e che tutte le 29 persone entrate nell’edificio per risolvere l’emergenza non risultino contaminate.

Il reattore numero 2, secondo l’azienda, è attualmente in stato di “arresto a freddo” e la temperatura sarebbe sotto controllo. EDF prevede di ultimare le operazioni di ripristino della centrale nucleare entro questo fine settimana.

Seguici anche sui canali social