Artrite reumatoide causata da fumo e poca igiene

Artrite reumatoide causata da fumo e poca igiene

Fonte immagine: Photo by Cameron Kirby on Unsplash

L'artrite reumatoide è una delle patologie reumatiche più diffuse, ecco quali sono i fattori di rischio, le terapie e i comportamenti sani che aiutano il decorso.

Tra i danni causati dal fumo c’è anche l’aumento del rischio di ammalarsi di artrite reumatoide, una malattia infiammatoria cronica su base autoimmune che colpisce principalmente le articolazioni. Si tratta di una patologia reumatica molto nota e diffusa, tanto da arrivare a colpire quasi l’1% della popolazione.

Secondo quando spiegato dal dottor Carlo Selmi, Reumatologia dell’Istituto Clinico Humanitas e docente dell’Università degli Studi di Milano, uno dei fattori di rischio è causato proprio dal fumo di sigaretta che, se abbinato a una scarsa igiene orale, può portare all’insorgere della malattia. Spiega Selmi:

Tra i fattori di rischio modificabili il principale è senz’altro il fumo di sigaretta, perché il fumo modifica un aminoacido (che diventa citrullina) all’interno delle proteine che, a sua volta può indurre una risposta immunitaria contro le proteine presenti nelle articolazioni, scatenando gli anticorpi anti citrullina e la malattia nei soggetti predisposti. L’altro fattore di rischio è la scarsa igiene orale: in una bocca con carie o poco pulita sono presenti alcuni batteri che presentano proteine citrullinate che creano gli stessi anticorpi che portano all’artrite.

Fumo e mancata igiene orale sono i cosiddetti “fattori di rischio modificabili”, ovvero fattori dovuti a comportamenti che ciascuno può evitare di mettere in atto in modo da diminuire il rischio. Tra i fattori non modificabili c’è invece la predisposizione genetica, anche se va precisato il fatto che l’artrite reumatoide non è considerata una malattia ereditaria.

Ad essere colpite sono soprattutto le donne, che rappresentano l’80% dei pazienti, mentre a soffrire maggiormente gli effetti della patologia sono le persone in sovrappeso e quanti conducono una vita particolarmente stressante. Secondo quanto spiegato dal professor Selmi:

Tipicamente l’artrite reumatoide esordisce contemporaneamente su più di 5 articolazioni, ha un andamento simmetrico e colpisce le articolazioni periferiche tranne quelle delle dita nella parte di falange più vicina alle unghie. La rigidità mattutina è superiore ai 30 minuti. È una malattia cronica e non colpisce la regione lombare della schiena; in casi fortunatamente rari può colpire la colonna cervicale.

Le terapie vanno dalla somministrazione di dosi blande di cortisone associato al Methotrexate, fino a un farmaco di nuova generazione chiamato “Piccole molecole“. C’è inoltre la possibilità di curare l’artrite reumatoide con un farmaco biologico fornito solamente in ambito ospedaliero, esattamente come il “Piccole molecole”.

Per migliorare il decorso, è consigliabile infine smettere di fumare, mantenere una buona igiene orale e perdere i chili di troppo. Importante è anche la pratica costante di attività fisiche a basso impatto come il nuoto e la camminata a passo rapido, ma vanno bene anche andare in bicicletta, fare pilates o praticare il thai-chi.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Quali sono i cibi antitumorali?