Fukushima: radiazioni a livelli record, 80.000 evacuati

Fukushima: radiazioni a livelli record, 80.000 evacuati

Continua l'emergenza a Fukushima, secondo le rilevazioni della Tepco si mantengono su livelli record i livelli di radiazione nei pressi dei reattori danneggiati. Evacuati 80.000 residenti

L’emergenza nucleare presso la centrale di Fukushima, in Giappone, non accenna a concludersi. Nonostante la situazione sia ormai lontana dalle cronache quotidiane che giornali e telegiornali ci propongono, dall’estremo oriente giungono notizie che vedono i livelli di radiazioni nell’area ancora a livelli molto alti, addirittura superiori a quelli registrati nei mesi immediatamente successivi al terremoto con relativo tsunami che ha dato il via all’emergenza.

A rendere noti i dati delle ultime misurazioni è stata la TEPCO, la compagnia proprietaria della centrale di Fukushima. Secondo quanto diffuso, le radiazioni su alcuni reperti provenienti dai reattori 1 e 2 dell’impianto, quelli più pesantemente danneggiati, arrivano a 10 sievert all’ora, con un forte aumento rispetto alle misurazioni del giugno scorso, quanto proprio il reattore 1 mostrava valori tra i 3 e 4 sievert all’ora.

A causa degli alti livelli di radiazioni, le autorità hanno dichiarato l’intera area “off-limits”, facendo evacuare oltre 80.000 persone residenti entro 20 chilometri dalla centrale per evitare il rischio di contaminazioni radioattive. Intanto, la Tepco ha assicurato di essere al lavoro per capire i motivi di questa impennata dei livelli, confermando gennaio 2012 come la data prevista per l’arresto a freddo dei reattori danneggiati.

È stata confermata inoltre la partenza dei lavori per la costruzione di una barriera lunga oltre 800 metri e profonda fino a 20 metri necessaria per impedire all’acqua utilizzata per il raffreddamento dei reattori di finire in mare, evitando così ogni contaminazione pericolosa per l’ecosistema marino della zona.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Antonia Testa