• GreenStyle
  • Consumi
  • Fukushima: la centrale sarà smantellata. Evacuazione per 40 kmq

Fukushima: la centrale sarà smantellata. Evacuazione per 40 kmq

Fukushima: la centrale sarà smantellata. Evacuazione per 40 kmq

Mentre il primo ministro giapponese Naoto Kan dichiara che Fukushima verrà chiusa, il tasso di radiazioni continua a salire vertiginosamente

Resta critica la situazione a Fukushima e dintorni. Le ultime rilevazioni sulle acque antistanti la centrale parlano di valori radioattivi 4.385 volte superiori alla norma, cifra spaventosa, soprattutto se confrontata con il dato già allarmante di ieri registrato ieri, con rilevazioni 3.355 volte oltre il limite. La differenza fra le due cifre è probabilmente la prova più lampante di una situazione che rischia di sfuggire totalmente di controllo.

Il premier Naoto Kan, durante un incontro con i vertici del Partito Comunista Giapponese, ha provato a rassicurare la nazione e il mondo intero: Fukushima verrà smantellata. Eppure non si fermano le polemiche sull’operato del governo.

Diverse agenzie per la sicurezza nucleare, tra cui quella dell’Onu e quella del Giappone, stanno facendo pressione perché l’area di evacuazione passi da 20 kmq a 40 kmq. In particolare l’Aiea ha reso noto che il tasso attuale di radiazioni a Iitate (villaggio a 40 km dalla centrale) superano quelle per cui di solito scattano i piani d’evacuazione. Denis Flory, vicedirettore generale dell’agenzia, ha dichiarato in questo senso:

Abbiamo consigliato (al Giappone) di valutare attentamente la situazione e ci hanno risposto che viene già valutata.

Il piano di sgombero dell’area interesserebbe, in effetti, centinaia di migliaia di persone. Una situazione difficile da gestire che l’esecutivo prova in tutti i modi a scongiurare. Il segretario di gabinetto, Yukio Edano, ha per tanto dichiarato:

Al momento non abbiamo ragione di pensare che le radiazioni avranno un effetto sulla salute della gente.

Ad ogni modo, la fascia di popolazione che vive tra i 20 e i 30 km dalla centrale è stata già invitata a lasciare la zona o a barricarsi in casa: segnale che la situazione è tutt’altro che tranquilla.

Seguici anche sui canali social