Fujitsu Siemens e il risparmio energetico

Fujitsu Siemens e il risparmio energetico

Qualsiasi apparecchiatura elettronica, sebbene apparentemente inutilizzata, consuma energia anche quando si trova in modalità stand by. Il problema, di dimensioni tutt’altro che trascurabili, non risparmia certo i computer. Proprio alla sua risoluzione si rivolge una delle più recenti normative in tema redatte dall’Unione Europea, che impone alle aziende produttrici, di ridurre i consumi “a riposo” […]

Qualsiasi apparecchiatura elettronica, sebbene apparentemente inutilizzata, consuma energia anche quando si trova in modalità stand by. Il problema, di dimensioni tutt’altro che trascurabili, non risparmia certo i computer.

Proprio alla sua risoluzione si rivolge una delle più recenti normative in tema redatte dall’Unione Europea, che impone alle aziende produttrici, di ridurre i consumi “a riposo” delle proprie apparecchiature al di sotto dei 2 watt entro il 2010 e al di sotto di 1 watt entro il 2013.

Fujitsu Siemens deve aver preso alla lettera tali direttive, portandosi avanti e proponendo sul mercato, già oggi, il 90% dei suoi computer dotati di tecnologia Low Power Soft Off/Deep Sleep, in grado di abbattere i consumi in fase di stand by fino a 0,5 watt, il che significa un notevole risparmio energetico.

Tra l’offerta di PC professionali dell’azienda, dotate di tale tecnologia, troviamo le serie Esprimo C e Esprimo E, oltre alla workstation Celsius W370.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Smart Energy Expo 2015: intervista a Marisa Martano, Edison Energy Solutions