Fracking può causare terremoti secondo nuovo studio

Fracking può causare terremoti secondo nuovo studio

Fonte immagine: Tim Evanson

Il fracking ha causato uno sciame sismico in Ohio attivando una faglia preesistente.

Il fracking torna al centro del dibattito scientifico. Un recente studio ha infatti dimostrato una correlazione tra la tecnica della fratturazione idraulica e i terremoti. La ricerca, pubblicata sul BSSA, il Bulletin of the Seismological Society of America, ha rivelato che le scosse registrate a marzo del 2014 nella città di Poland, in Ohio, sono direttamente riconducibili al fracking.

La tecnica della fratturazione idraulica impiegata nei giacimenti di gas naturale dell’area avrebbe attivato alcune faglie prima ignote ai geologi. Lo sciame sismico indotto dal fracking avrebbe incluso anche una scossa di magnitudo 3.0. Si tratta di una magnitudo rilevante avvertita dagli abitanti.

Questo dato contrasta con i risultati di ricerche precedenti sul legame tra fracking e terremoti che attribuivano alla fratturazione idraulica solo scosse di lieve entità e impercettibili dalla popolazione.

Nello specifico a marzo del 2014, nell’area intorno alla cittadina americana, si sono registrate 5 scosse di terremoto di entità non trascurabile, con magnitudo compresa tra 2.1 e 3.0. Includendo anche le scosse più lievi, i terremoti registrati nell’area tra il 4 e il 12 marzo sono stati 77 con magnitudo compresa tra 1.0 e 3.0.

Tutte le scosse sono avvenute a un chilometro dai pozzi di petrolio e gas naturale della compagnia Hilcorp Energy, un’azienda che utilizza la tecnica del fracking per facilitare la fuoriuscita del gas naturale intrappolato nelle rocce e aumentare le rese del processo estrattivo.

L’Ohio Department of Natural Resources (ODNR) il 10 marzo del 2014 bloccò le attività estrattive della Hilcorp a seguito del terremoto, per accertare le responsabilità dell’azienda e prevenire ulteriori scosse. Negli ultimi anni il fracking in Nord America si è diffuso a macchia d’olio. Secondo gli esperti, proprio a causa dell’impiego crescente della fratturazione idraulica, il numero di terremoti nei pressi di giacimenti che impiegano la tecnica è in aumento.

Robert Skoumal, co-autore dello studio insieme a Michael Brudzinski e Brian Currie della Miami University, spiega che i terremoti registrati nella città di Poland sono avvenuti in un basamento precambriano:

Si tratta di uno strato di roccia molto vecchio che presentava già molte faglie. Il fracking non ha creato una nuova faglia, ma ne ha attivato una che non conoscevamo prima del sisma.

Anche se l’incidenza del fracking sui terremoti è minima, i ricercatori sottolineano che molte faglie sismiche sono ancora sconosciute ai geologi e pertanto gli effetti della fratturazione idraulica in alcune aree potrebbero essere imprevedibili.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Vaillant sempre più rinnovabile: intervista a Gherardo Magri