• GreenStyle
  • Energia
  • Fotovoltaico: spalma incentivi è legge. assoRinnovabili, appello a Oettinger

Fotovoltaico: spalma incentivi è legge. assoRinnovabili, appello a Oettinger

Fotovoltaico: spalma incentivi è legge. assoRinnovabili, appello a Oettinger

Diventa legge il provvedimento spalma incentivi, con la rimodulazione delle sovvenzioni statali per gli impianti fotovoltaici oltre i 200 kWp.

Il decreto taglia-bollette (DL 91/2014), che include il provvedimento cosiddetto spalma incentivi, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Diventa legge, dunque, la rimodulazione degli incentivi per gli impianti fotovoltaici di potenza superiore ai 200 kWp, che tante polemiche ha suscitato tra gli addetti ai lavori.

A partire dal 1 gennaio 2015, dunque, gli incentivi per gli impianti suddetti saranno erogati per 24 anni invece che per 20, senza interessi e con una riduzione delle tariffe, indicata in un allegato al decreto, che varia a seconda della durata residua degli incentivi stessi:

  • 12 anni residui (per arrivare a 20): riduzione incentivo pari al 25%
  • 13 anni residui: riduzione incentivo pari al 24%
  • 14 anni residui: riduzione incentivo pari al 22%
  • 15 anni residui: riduzione incentivo pari al 21%
  • 16 anni residui: riduzione incentivo pari al 20%
  • 17 anni residui: riduzione incentivo pari al 19%
  • 18 anni residui: riduzione incentivo pari al 18%
  • oltre 19 anni residui: riduzione incentivo pari al 17%


Confermate, in sostanza, le altre anticipazioni dei giorni scorsi: chi non vuole aderire alla rimodulazione potrà mantenere una durata ventennale dell’incentivo, con una riduzione dell’8% della tariffa riconosciuta al 25 giugno 2014 (data di entrata in vigore del DL 91/2014), per la durata residua del periodo di incentivazione, con decorrenza dal 1 gennaio 2015. La scelta dovrà essere comunicata al GSE entro il 30 novembre 2014.

Coloro che accetteranno la rimodulazione potranno usufruire di un sostegno creditizio da parte della Cassa Depositi e Prestiti, per un importo massimo pari alla differenza tra l’incentivo già spettante al 31 dicembre 2014 e l’incentivo “rimodulato”.

Penalizzati inoltre gli impianti fotovoltaici non incentivati ma basati sull’autoconsumo dell’elettricità prodotta: secondo il DL, su tutta l’energia elettrica consumata in SEU e reti private, si pagherà il 5% degli oneri generali di sistema.

Il decreto punta a ridurre del 10% la bolletta elettrica delle PMI italiane. I beneficiari dei tagli, in particolare, saranno 110.000 utenti collegati in Media Tensione e altri 600.000 collegati in Bassa Tensione con potenza impegnata superiore ai 16,5 kW.

Per quanto già in vigore, lo spalma incentivi potrà ancora subire modifiche in Parlamento durante la conversione in legge, che deve avvenire entro 60 giorni.

Immediato il commento di Agostino Re Rebaudengo, presidente di assoRinnovabili:

Constatiamo con amarezza che, nonostante il parere sull’incostituzionalità della norma fornito dal Presidente Emerito della Corte Costituzionale Onida, la nostra richiesta al Presidente della Repubblica di rinviare il decreto legge al Governo per eliminare lo spalma incentivi non è stata accolta. Confidiamo pertanto che l’Europa possa valutare la possibilità di indirizzare al Governo e al Parlamento Italiano un invito a riconsiderare la questione

L’associazione ha deciso di appellarsi al Commissario Europeo per l’Energia Günther Oettinger, chiedendogli un intervento contro il decreto appena pubblicato.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Massimo Bracchi – SMA Italia