Fotovoltaico, Solar Green Energy aderisce al Comitato IFI

Fotovoltaico, Solar Green Energy aderisce al Comitato IFI

L'associazione accoglie un nuovo membro: la Solar Green Energy di Burago di Molgora, attiva nel settore fotovoltaico dal 2010.

Una nuova azienda entra a far parte del Comitato IFI (Impresa Fotovoltaica Italiana). Si tratta di Solar Green Energy Spa, espressione del made in Italy dell’energia solare. L’azienda, che produce moduli e celle utilizzati nel fotovoltaico, si aggiunge dunque all’elenco delle imprese appartenenti all’associazione, che riunisce circa l’80% dell’industria nazionale del settore.

>>Leggi le ultime dichiarazioni del Comitato IFI sull’andamento del fotovoltaico cinese

La Solar Green Energy ha avviato la propria attività nel 2010 e può contare, nello stabilimento produttivo di Burago di Molgora, in provincia Monza, su una linea di produzione altamente robotizzata della capacità di 50 MW annui. Oltre a moduli fotovoltaici ad alta efficienza, l’azienda realizza soluzioni innovative per l’energia solare. Commenta l’amministratore delegato Alessandro Sotgiu:

La scelta di aderire all’associazione è frutto della consapevolezza che è necessario ora più che mai che le industrie nazionali, di tutti i settori e nelle rinnovabili a maggior ragione, facciano sentire chiaramente la propria voce, ricordando alla nuova classe politica che anche in Italia si può e si deve investire nell’industria.

>>Leggi la guida ai gruppi di acquisto per il fotovoltaico

Soddisfazione per il nuovo “acquisto” è stata espressa da Alessandro Cremonesi, presidente del Comitato IFI che ha però sottolineato come nell’ultimo anno l’associazione abbia perso numerose adesioni a causa della crisi che ha colpito il settore fotovoltaico, costringendo alla chiusura molte realtà imprenditoriali. Ha dichiarato Cremonesi:

Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo perso, nostro e loro malgrado, numerosi associati che contavano oltre 500 posti di lavoro. E questo perché il contesto normativo del settore totalmente instabile e l’aggressione illegittima di pratiche anti competitive poste in essere dai produttori cinesi, ha costretto loro a cedere le armi. Tuttavia non abbiamo mai abbassato la guardia, né la abbasseremo, nel combattere per garantire un futuro sostenibile per le nostre industrie.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Massimo Bracchi – SMA Italia