Fotovoltaico: la Germania tassa l’autoconsumo

Fotovoltaico: la Germania tassa l’autoconsumo

Il governo di Berlino ha introdotto una nuova tassa sull'energia solare auto-consumata. L'imposta si applicherà solo agli impianti installati da agosto 2014.

Il governo tedesco ha approvato una nuova tassa sull’auto-consumo di energia solare. Coloro che utilizzano la loro propria elettricità generata con il fotovoltaico dovranno pagare un supplemento di 0,044 euro per ogni kWh prodotto. Il prelievo si applicherà solo ai nuovi impianti su tetto di potenza superiore ai 10 kWp installati a partire da agosto 2014.

Günther Hackl, presidente della principale associazione solare del paese, BSW-Solar, ha detto che è come se Berlino avesse deciso, per sovvenzionare gli agricoltori di professione, di tassare le persone per il cibo che coltivano nel loro giardino.

Ha aggiunto inoltre:

La nuova tassa è un’aberrazione, ed è controproducente penalizzare i produttori di energia solare che agiscono anche nell’interesse degli equilibri climatici. È inconcepibile che gli utenti solari debbano essere puniti per il loro impegno ambientale. I produttori di energia solare, inoltre, rendono più conveniente lo sviluppo della rete elettrica, perché fanno diminuire la potenza da trasportare.

Il nuovo sistema di imposte era stato già annunciato a novembre, come parte dell’accordo di coalizione tra il partito di Angela Merkel e la SPD.

Ha aggiunto Hackl:

La maggioranza della popolazione è favorevole alla cosiddetta “transizione energetica” e i cittadini hanno voglia di partecipare. Si dovrebbe evitare che il settore energetico convenzionale disturbi la concorrenza della generazione generazione distribuita con misure come questa.

In discussione c’è anche il progetto di una possibile tassa sui sistemi fotovoltaici già in esercizio, ma non è ancora chiaro se sarà davvero introdotta.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Massimo Bracchi – SMA Italia