• GreenStyle
  • Energia
  • Fotovoltaico in comodato d’uso: pannelli gratis per i tetti di casa

Fotovoltaico in comodato d’uso: pannelli gratis per i tetti di casa

Fotovoltaico in comodato d’uso: pannelli gratis per i tetti di casa

Impianto fotovoltaico gratuito dando in "prestito" il proprio tetto. Le offerte arrivano da Sorgenia e da Enfinity, in cambio sgravi sulle bollette o una quota di affitto

Un impianto fotovoltaico gratis offrendo in prestito il proprio tetto. Una particolare formula, testata negli ultimi mesi da Sorgenia ed Enfinity, che sembra aver dato i primi risultati positivi. Il proprietario del tetto avrà diritto ad un consistente sconto sulla propria bolletta energetica non dovendosi far carico di alcun costo, né di installazione e né per quanto riguarda le successive pratiche amministrative.

Secondo quanto dichiarato da Riccardo Bani, direttore generale di Sorgenia, il loro pacchetto denominato “SoleMio” ha una durata di 20 e prevede uno sconto fino al 50% sulla bolletta energetica. Inoltre, al termine della scadenza, gli impianti diventano di proprietà degli “affittuari”:

L’idea ce l’ha fornita Jeremy Rifkin. Miliardi di cittadini che producono energia elettrica pulita, scambiando quella in eccesso. La terza rivoluzione industriale fatta di “reti intelligenti” è il modello al quale ci siamo ispirati. Proprio pensando a quel concetto e osservando la conformazione geomorfologica del nostro territorio abbiamo pensato che il rinnovamento del parco energetico poteva arrivare da tanti piccoli impianti, così come per decenni è arrivato dall’arco alpino attraverso i fiumi e le centrali idroelettriche.

Più articolata, ma di sicuro interesse anche la soluzione offerta proposta da Enfinity. Durata di 25 e formule di “rimborso” variabili: dalla quota affitto agli sgravi sulla bolletta o addirittura anche eventuali lavoro di rifacimento del tetto stesso. Inoltre la grande differenza è nei tempi di “recupero dell’investimento” da parte delle famiglie, che avverrebbe in un’unica soluzione:

Questo schema, avviato già sei anni fa in Belgio e in Olanda, ma ormai collaudato in tutto il mondo, dal Canada all’India e anche all’Italia, è una sorta di affitto delle superfici. Infatti paghiamo un corrispettivo ai proprietari, in denaro o in energia. O rimettendo a posto il tetto, dipende dalla soluzione che il cliente sceglie. La parte interessante dello schema è che il pagamento avviene il primo anno. Facciamo un esempio. Un capannone di 15 mila metri quadrati, con orientamento ottimale può fruttare 200 mila euro, se dato in affitto per collocare i pannelli. Non all’anno, ma in un’unica soluzione. Nell’Italia meridionale la stessa metratura può valere il doppio.

Seguici anche sui canali social