Fotovoltaico: efficienza celle al 24% con il contatto passivato

Fotovoltaico: efficienza celle al 24% con il contatto passivato

Grazie a una nuova tecnologia, sarà possibile modificare la superficie posteriore delle celle solari fotovoltaiche, aumentandone l'efficienza.

Nuovo record di efficienza per le celle solari al silicio di tipo n: il 24%, ottenuto dal’Istituto Fraunhofer per i sistemi ad energia solare (Fraunhofer ISE). Il record è stato ottenuto grazie a un cosiddetto “contatto passivato” che copre l’intera superficie posteriore della cella.

Finora, le caratteristiche del lato posteriore della maggior parte delle celle solari rappresentavano un limite per l’efficienza dei dispositivi, a causa della presenza di contatti proprio sulla superficie posteriore.

Utilizzando un contatto “passivato”, gli scienziati del Fraunhofer ISE sembrano avere aggirato l’ostacolo. Spiega Stefan Glunz, direttore della divisione “Sviluppo e caratterizzazione delle celle solari” al Fraunhofer ISE:

Abbiamo sviluppato un contatto posteriore semplice, senza alcun patterning, con il quale abbiamo raggiunto un ottimo rendimento del 24% per una cella solare di tipo n.

Il nuovo contatto posteriore si chiama Topcon (Tunnel Oxide Passivated Contact) ed è costituito da un tunnel ultrasottile di ossido e uno strato sottile di silicio. La passivazione superficiale è di ottima qualità e il contatto posteriore pone poca resistenza per il trasporto dei portatori di carica.

Questa nuova tecnologia, spiegano i suoi ideatori, permette di estendere il contatto all’intera superficie posteriore della cella solare, riducendo al minimo le perdite di resistenza. Il risultato? Una efficienza da record.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Massimo Bracchi – SMA Italia