• GreenStyle
  • Energia
  • Fotovoltaico e sistemi accumulo: Italia risparmierà 500 mln l’anno

Fotovoltaico e sistemi accumulo: Italia risparmierà 500 mln l’anno

Fotovoltaico e sistemi accumulo: Italia risparmierà 500 mln l’anno

ANIE Energia ha presentato il primo rapporto sui sistemi di accumulo per il fotovoltaico: in Italia consentirebbero un risparmio di 500 milioni di euro l'anno.

I sistemi di accumulo sono il futuro del fotovoltaico e in Italia permetterebbero un risparmio annuo complessivo di 500 milioni di euro. Questi i dati presentati da ANIE Energia in “Residential Electrical Storage Systems” il primo studio fatto per l’Italia che mette in risalto i vantaggi di un impiego diffuso delle batterie per il fotovoltaico anche per impianti residenziali.

Grazie ai sistemi di accumulo vi sarebbe un notevole aumento dell’autoconsumo di energia fotovoltaica: si passerebbe dal 30 al 70%, con vantaggi rilevanti sia per i proprietari degli impianti, sia per il sistema elettrico.

In un comunicato stampa diffuso dall’associazione si afferma:

ANIE Energia ha calcolato dettagliatamente i benefici di sistema, sulla base di uno scenario di penetrazione dei sistemi di accumulo del 20% (ovvero 5 milioni di impianti fotovoltaici a fronte dei 25 milioni di famiglie italiane). Il risparmio maggiore deriverebbe dalla riduzione dell’energia tagliata a causa di overgeneration (eccesso di generazione sulla domanda), quantificata in 234,4 milioni di euro, subito seguito dai 147,1 milioni risparmiati dalla riduzione di capacità termoelettrica derivante dal livellamento del picco di domanda serale di energia. Si aggira intorno a 72,8 milioni invece il taglio dei costi derivanti dall’investment deferral sulla rete di distribuzione dovuta alla riduzione della potenza richiesta, senza contare poi il risparmio generato dalla riduzione delle perdite di rete (quantificato in 17,4 milioni) e dalla diminuzione delle emissioni di CO2 (43,1 milioni).

Nel rapporto “Residential Electrical Storage Systems” viene evidenziato inoltre come il costo delle batterie per il fotovoltaico subirà una netta diminuzione, addirittura del 50% nei prossimi 3-5 anni, una prospettiva che potrebbe invogliare i consumatori, ormai orfani del Conto Energia, a continuare le installazioni di pannelli fotovoltaici.

Purtroppo però la situazione, come spesso accade in Italia, potrebbe complicarsi notevolmente a causa di vuoti legislativi. Una criticità non da poco evidenziata da Claudio Andrea Gemme, Presidente di ANIE Confindustria:

A fronte dei rilevanti benefici di sistema ottenibili, l’attuale contesto normativo italiano non regolamenta direttamente l’applicazione dei sistemi di accumulo domestici, come invece già succede in alcuni paesi. Esistono esempi di realtà, come Germania e USA, che al contrario riconoscono l’importanza di una corretta diffusione di sistemi di accumulo domestici e già si sono mossi per prevedere facilitazioni per la loro installazione. ANIE auspica che entro breve anche l’Italia possa dotarsi di una normativa di riferimento specifica.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Massimo Bracchi – SMA Italia