• GreenStyle
  • Energia
  • Fotovoltaico: celle solari tandem Made in Italy, efficienza al 26%

Fotovoltaico: celle solari tandem Made in Italy, efficienza al 26%

Fotovoltaico: celle solari tandem Made in Italy, efficienza al 26%

Fotovoltaico Made in Italy realizzato con celle solari tandem porta l'efficienza dei pannelli al 26,3%.

Fotovoltaico Made in Italy ad alta efficienza. Dai laboratori italiani arrivano nuovi pannelli in grado di portare l’efficienza energetica oltre il 26%. A realizzare le nuove celle solari tandem ad alta efficienza i ricercatori ENEA del Laboratorio di Tecnologie Fotovoltaiche, Università di Roma “Tor Vergata” (centro CHOSE), l’IIT – Istituto Italiano di Tecnologia (con Graphene Labs e il suo spin-off BeDimensional). La pubblicazione della ricerca sul è avvenuta attraverso la rivista internazionale Joule.

Il fotovoltaico presentato dai ricercatori italiani è realizzato in perovskite e silicio, e offre un’efficienza energetica del 26,3%. Due distinte celle solari sono abbinate in maniera meccanica così da poter lavorare “in tandem”: quella frontale (perovskite) converte in maniera efficace la luce “blu” e “verde”, consentendo alla luce solare “rossa” e agli infrarossi di passare oltre e impattare su quella posteriore (silicio). Ha spiegato Mario Tucci, responsabile del Laboratorio Tecnologie Fotovoltaiche dell’ENEA:

La combinazione dei due materiali massimizza l’assorbimento dei raggi solari e produce un’elevata foto-tensione, pari alla somma delle tensioni generate dalle due singole celle, producendo in questo modo una maggiore efficienza rispetto ad una singola cella solare.

A consentire di raggiungere tale efficienza, con la prospettiva di superare la soglia del 30%, l’impiego di due elementi chiave: da un lato il grafene, che ha reso più prestante la cella in perovskite, dall’altro l’incremento delle prestazioni della celle in silicio mediante l’eterogiunzione con film amorfi. Hanno concluso i ricercatori ENEA:

Grazie alla tecnica messa a punto nella struttura tandem delle celle è possibile conservare i vantaggi delle singole tecniche di fabbricazione, combinando la semplicità di realizzazione di film sottili in perovskite mediante “solution process” con la produzione di celle in silicio a eterogiunzione.

Fonte: ENEA

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sunny Days Roma 2016: intervista a Massimo Bracchi – SMA Italia