Forni a microonde: inquinano come 7 milioni di automobili

Forni a microonde: inquinano come 7 milioni di automobili

Fonte immagine: iStock

I forni a microonde inquinano peggio delle automobili, uno studio mette in risalto quanto questi elettrodomestici danneggino l'ambiente in cui viviamo.

I forni a microonde sono inquinanti, molto inquinanti. Perfino più delle automobili, da sempre etichettate come le nemiche numero uno dell’ambiente e della qualità dell’aria. A rivelarlo è un recente studio della University of Manchester, che per la prima volta mette sotto la lente di ingrandimento questi elettrodomestici, che per molti di noi sono insostituibili compagni delle nostre vite sempre più mordi e fuggi.

Considerando solo l’Europa, l’uso dei forni a microonde emette CO2 quanto 7 milioni di macchine, 6.8 milioni di veicoli per la precisione. Ma non è finita, infatti anche dal punto di vista energetico questi piccoli elettrodomestici hanno un grandissimo impatto: 9.4 terawatt ora (TWh) di elettricità ogni anno, sempre considerando il Vecchio Continente.

Lo studio ha considerato l’intero ciclo di vita dei forni a microonde per stimarne l’impatto ambientale complessivo, dunque considerando la loro produzione, l’uso quotidiano e ovviamente lo smaltimento come rifiuti tecnologici.

Già solo considerando l’utilizzo di un singolo microonde, durante un ciclo di vita ipotetico di 8 anni, si arriva ad un numero che fa paura: ben 573 kilowatt ora (kWh) complessivi.

Anche arrivati allo stadio di rifiuti tecnologici i microonde non smettono di essere degli elettrodomestici ad alto impatto ambientale: solo nel 2005 in tutta Europa ben 184,000 tonnellate di RAEE sono state generate da microonde buttati. Entro il 2025 questa crifra crescerà notevolmente, fino a 195,000 tonnellate. Tutto questo è favorito anche dall’utilizzo sempre più usa e getta di questi dispositivi, sia per la pratica dell’obsolescenza programmata da parte dei produttori, sia perché sempre più spesso ci si disfa di questi elettrodomestici solo per il piacere di dotarsi di un nuovo dispositivo con le ultime tecnologie disponibili.

Seguici anche sui canali social