• GreenStyle
  • Salute
  • Formaggio: rischio di malattie cardiache -14% con 40 grammi al giorno

Formaggio: rischio di malattie cardiache -14% con 40 grammi al giorno

Formaggio: rischio di malattie cardiache -14% con 40 grammi al giorno

Fonte immagine: assente

Mangiare 40 grammi di formaggio al giorno sarebbe un valido aiuto per ridurre il rischio di malattie cardiache e di ictus: lo conferma la scienza.

Consumare 40 grammi di formaggio ogni giorno può avere degli effetti positivi per il cuore, riducendo del 14% il rischio di malattie cardiache. Lo hanno scoperto i ricercatori della Soochow University, che hanno sfatato il mito della cattiva reputazione di questo alimento.

La stessa quantità di formaggio assunta ogni giorno permetterebbe una riduzione del 10% del rischio di ictus. Gli studiosi cinesi hanno voluto comprendere fino in fondo quello che viene chiamato “paradosso francese”, il fenomeno che vede in Francia un’incidenza relativamente bassa di malattie cardiovascolari a fronte di un elevato consumo di cibi ricchi di acidi grassi saturi.

I ricercatori hanno scoperto che il formaggio ha la capacità di aumentare i livelli di colesterolo “buono”, riducendo quelli di colesterolo “cattivo”. Inoltre questo alimento avrebbe al suo interno un acido che può aiutare a prevenire l’intasamento delle arterie.

La ricerca cinese è stata realizzata per mezzo dell’analisi di 15 precedenti studi sul formaggio e sull’eventuale rischio cardiaco che si può sperimentare mangiando questo cibo. Gli scienziati hanno sottolineato che il formaggio contiene acidi grassi saturi, ma che allo stesso tempo fornisce anche nutrienti potenzialmente benefici per il nostro organismo.

Di recente un ulteriore studio ha ottenuto risultati simili. Un team di ricercatori guidati dalla Reading University ha messo in evidenza che consumare formaggi, ma anche latte e yogurt, non aumenta il pericolo di incorrere in un infarto o nell’ictus. Il professor Ian Givens della Reading University ha dichiarato:

C’è una convinzione abbastanza diffusa, ma sbagliata, tra il pubblico che i prodotti lattiero-caseari in generale possano essere dannosi, ma è un equivoco. Anche se è una credenza diffusa, la nostra ricerca mostra che è sbagliato.

Secondo l’esperto i giovani correrebbero il rischio di sviluppare danni alle ossa e osteoporosi bevendo poco latte, un’abitudine che potrebbe portare a privarsi del calcio. Naturalmente il segreto sta nella moderazione, come afferma la British Heart Foundation, che spiega come 30 grammi di formaggio rappresentino il 7% dell’apporto calorico totale raccomandato in un giorno.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ciliegie senza glifosato: interviste ad Apofruit e Coop