Fiat Panda a idrometano: emissioni da record

Fiat Panda a idrometano: emissioni da record

La FIAT Panda a idrometano e biometano promette emissioni da record grazie a un progetto sperimentale presentato a Bolzano.

Non ci sono solamente metano e GPL tra le tecnologie usate per la nuova Fiat Panda. La piccola utilitaria italiana è stata infatti la base di una vettura sperimentale alimentata a idrometano.

Il prototipo è stato presentato nei giorni scorsi al Tis innovation park di Bolzano e promette di portare a un nuovo livello le emissioni di CO2 grazie alla possibilità di funzionare bruciando una miscela di metano e idrogeno, con quest’ultimo ottenuto ovviamente da fonti rinnovabili.

La Fiat Panda a idrometano è il frutto della collaborazione tra Iveco Dv, Roechling Automotive, Gkn Driveline, Hofer Powertrain e Multienergy. Il vantaggio in termini ambientali è molto importante, dato che il prototipo consente, a detta dei suoi realizzatori, di ridurre le emissioni di CO2 fino al 14% rispetto alla Panda Classic a metano attualmente in commercio.

Il veicolo sperimentale può funzionare anche con biometano, un carburante con impatto ambientale pari a zero ottenuto tramite la purificazione del biogas ricavato dai rifiuti urbani, dagli scarti agricoli o dai residui dell’allevamento.

I progettisti che hanno messo a punto la Fiat Panda a biometano e idrometano hanno agito non solamente sulla tecnologia propulsiva, ma hanno al tempo provveduto a ottimizzare l’aerodinamica apportando delle modifiche alla carrozzeria, tra cui l’aggiunta di alcune alette che migliorano la penetrazione dell’aria, oltre ad aver messo a punto un sistema di trasmissione alleggerito che, causando minor attrito rispetto a quello standard, migliora l’efficienza energetica della vettura.

.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella