• GreenStyle
  • Consumi
  • Falso extravergine d’oliva, NAS: olio di soia trattato con clorofilla

Falso extravergine d’oliva, NAS: olio di soia trattato con clorofilla

Falso extravergine d’oliva, NAS: olio di soia trattato con clorofilla

Frode alimentare scoperta dai NAS, falso olio extravergine d'oliva era in realtà olio di soia trattato con la clorofilla.

Venduto come olio extravergine d’oliva, ma in realtà olio di soia trattato con la clorofilla. Conclusa dai Carabinieri del Nucleo Anti-Sofisticazione (NAS) l’operazione “Oro giallo“, che ha portato alla luce un nuovo e poco confortante tentativo di frode alimentare. Secondo quanto riscontrato i prodotti erano venduti sia in Italia che in Germania, anche a noti ristoranti che li acquistavano a prezzi inferiori al valore di mercato dell’olio EVO.

Secondo quanto reso noto dai NAS i produttori del falso extravergine d’oliva avevano allestito una complessa rete criminale, composta da società fittizie, finti frantoi e ovviamente etichette studiate per tranne in inganno consumatori e autorità di controllo. Le indagini dei Carabinieri hanno portato a 24 misure cautelari, 17 della quali in località Cerignola (Foggia), e hanno visto il coinvolgimento di servizi di polizia esteri grazie anche alla collaborazione con Eurojust (Agenzia UE per la “Cooperazione giudiziaria penale”) ed Europol.

A favorire la proliferazione di frodi alimentari come quella appena scoperta dai NAS eventi meteorologici estremi, Xylella fastidiosa e altri fattori che hanno contribuito alla riduzione della produzione italiana. Come ha spiegato Savino Muraglia, presidente Coldiretti Puglia:

Con la produzione di extravergine Made in Italy, che ha raggiunto quest’anno i minimi storici a causa delle gelate di febbraio 2018 e gli effetti drammatici della Xylella, con il crollo in maniera incontrovertibile della produzione di olive di oltre il 60 per cento, è aumentato il rischio di frodi e sofisticazioni a danno del vero made in Italy che colpiscono i produttori agricoli e i consumatori, allarme che avevamo lanciato sin dall’anno scorso a seguito della peggiore campagna olivicola in Puglia degli ultimi 25 anni.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci