Oggi la giornata senz’auto, ma non a Roma e Milano

Oggi la giornata senz’auto, ma non a Roma e Milano

Si celebra oggi la Giornata Mondiale Senza Auto: MIlano, Roma e l'Italia in generale dimostrano seria indifferenza all'evento.

Si celebra oggi la Giornata Mondiale Senza Auto, il World Car-Free Day nella sua denominazione anglosassone. In tutto il mondo sono in programma moltissime iniziative per escludere – o quantomeno diminuire – il ricorso alle autovetture per ben 24 ore consecutive, ma grandi metropoli come Roma e Milano rimangono a guardare. Tocca constatare, ancora una volta, come sui temi ambientali l’Italia sia un fanalino di coda.

La Giornata Mondiale Senza Auto si ripete ogni anno da quasi due decenni e, tradizionalmente, si pone come conclusione simbolica della Settimana della Mobilità Sostenibile. Un evento che prende le mosse da due annate storiche: una giornata senza auto in Olanda nel 1956 e il periodo di Austherity del 1974, con le numerose domeniche a piedi. Un modo per sensibilizzare all’uso consapevole dei mezzi inquinanti, per ridurre lo smog nelle città e per dimostrare come senza auto si possa facilmente vivere, grazie al trasporto pubblico.

Per l’edizione 2012, sono tantissime le città mondiali ad aderire. A Bogotà, ad esempio, per tutta la giornata verrà interdetto il traffico cittadino e non vi sarà modo di ottenere sconti o concessioni: chi vorrà spostarsi, dovrà farlo con i mezzi pubblici o armato di bicicletta. In Malesia, invece, sono stati distribuiti gratuitamente ben 150.000 biglietti della metropolitana, per incentivare la mobilità pubblica. Si prosegue con Washington che, oltre a limitare il traffico, presenterà numerose ciclofficine a cielo aperto per invitare la popolazione all’uso della bicicletta. E se a Lubiana le automobili sono state interdette per una settimana intera, a Gibilterra l’evento ambientalista sbarca per la prima volta.

In Italia, invece, si manifesta solo disinteresse. Il comune di Milano non ha previsto alcun evento con il proprio patrocinio, vi saranno soltanto iniziative private in poche zone della città. A Roma, invece, verrà installata un’area espositiva ed informativa ai Fori Imperiali: un po’ poco per una delle città, nonché nazione, con uno dei traffici più disordinati del mondo. Dove non arrivano le istituzioni, però, potrebbero arrivare i VIP con un’opera di sensibilizzazione. Ecco le parole del cantante Max Pezzali:

«Lo dico da anni, prima lasciamo le macchine fuori dalle città e meglio è. E sarà sempre troppo tardi. E del treno per quando devo fare il pendolare tra Pavia e Milano, o anche quando vado a Roma. Vedo sempre più persone che fanno come me sui treni suburbani, soprattutto giovani. È una tendenza evidente, direi quasi inarrestabile. Io vivo così da anni e mi trovo molto meglio che in passato. La necessità di espellere le auto dalle città è ormai di fronte agli occhi di tutti: abbiamo raggiunto una densità di circolazione tale che qualcosa va fatto. Senza contare che il costo dei carburanti sta massacrando le famiglie, e la questione è diventata ormai fondamentale: manca spazio, le città sono diventate invivibili, l’economia familiare ne risente e anche quella nazionale: tutto il tempo perso nel traffico è un costo collettivo.»

Informazioni sull'evento
Data 22 Settembre 2012

Seguici anche sui canali social