Giornata mondiale dell’acqua 2011

Giornata mondiale dell’acqua 2011

Come ogni anno, l'ONU e l'agenzia UN-HABITAT organizzano la Giornata dell'Acqua per il 22 Marzo. Tema dell'edizione 2011: acqua ed urbanizzazione.

L’acqua è un bene primario, un “bene comune” dice qualcuno, probabilmente non a torto. Se il nostro pianeta può vantarne scorte immense, l’acqua potabile è invece uno dono raro, da gestire con parsimonia e da proteggere. Proprio per questo l’ONU ha istituito dal ’92 la Giornata dell’acqua per il giorno 22 marzo. L’iniziativa, organizzata dall’agenzia UN-HABITAT (facente capo sempre alle Nazioni Unite), avrà quest’anno un tema particolare: Acqua e urbanizzazione.

Il rapporto fra città e disposizione idrica si fa, in effetti, sempre più centrale all’interno delle dinamiche globali. Dai paesi del nostro meridione alle grandi città sovraffollate in India, la distribuzione dell’acqua coincide spesso con il livello di dignità umana accessibile. Come ha spiegato bene il direttore esecutivo di UN-HABITAT, Joan Clos:

Lo sviluppo urbano sostenibile inizia a partire dalla salute e dalla dignità. Possiamo venire incontro a queste condizioni fondamentali della nostra umanità solo sostenendo gli investimenti nei settori idrici e sanitari. Metà della popolazione mondiale oggi abita in paesi e città. La prospettiva è che questa proporzione raggiunga i 2/3 nel giro di una sola generazione. e il 50% di questa incremento avverrà nelle baraccopoli e nelle periferie urbane dei paesi in via di sviluppo.

La sfida presentata dal J. Clos è globale e profonda: reinventare la politica e il management propri del settore idrico, in evidente stato di impasse, anche a costo di rimettere in gioco comportamenti o realtà considerati come acquisiti.

Per chi fosse interessato alle iniziative dell’edizione 2011 della Giornata dell’acqua, sono disponibili varie brochure di presentazione ufficiali. Il grosso della manifestazione si terrà quest’anno a Cape Town in Sud Africa.

Informazioni sull'evento
Data 22 Marzo 2011

Seguici anche sui canali social