Festa delle Rinnovabili: il 26 ottobre a Roma, Fori Imperiali

Festa delle Rinnovabili: il 26 ottobre a Roma, Fori Imperiali

A Roma, il 26 ottobre, associazioni ambientaliste ed aziende di settore daranno vita alla festa delle rinnovabili

Tagli ai finanziamenti ed una politica meno propositiva hanno azzoppato la crescita del settore green energy. Il mondo delle aziende che su essa hanno investito e delle associazioni ambientaliste ha deciso di rispondere alla situazione, giudicata non ottimale, con un evento. Una vera e propria festa che invaderà via dei Fori Imperiali a Roma il 26 ottobre.

Una festa sì, ma appunto, arrabbiata. Se i numeri del boom delle energie verdi in Italia negli ultimi 5 anni sono indiscutibilmente notevoli, lobby e politica avrebbero iniziato a mettere i bastoni fra le ruote al carro di questa rivoluzione energetica. La risposta, quindi non può essere del tutto amichevole:

Saremo in piazza per un futuro energetico italiano incentrato sulle fonti rinnovabili e l’efficienza. Perché la rivoluzione energetica iniziata in questi anni, con oltre 600mila impianti distribuiti nel nostro Paese e oltre il 30% dei fabbisogni elettrici soddisfatti, non deve essere fermata. Perché oggi è possibile ridurre fortemente la dipendenza dalle fonti fossili, che fanno male alla salute delle persone, danneggiano l’ambiente e aggravano la crisi economica. E perché è qui l’interesse dell’Italia e di tutti i cittadini, e l’unica prospettiva di sviluppo che permette di fermare i cambiamenti climatici, ridurre la povertà e garantire la pace.

Queste parole, a metà fra l’incendiario ed il desideri di mettere una pietra sopra il passato per cambiare le cose per il futuro, campeggiano sul sito di Legambiente, che insieme a WWF, Greenpeace ed altre associazioni, lancia l’iniziativa.

Ad aderire abbiamo anche la, forse meno nota, Green Italy. Sul loro sito leggiamo un’analisi che declina la situazione accusando direttamente la politica italiana, ai suoi vertici:

Gli ultimi quattro ministri dello sviluppo, di destra di centro o di sinistra – Scajola, Romani, Passera e Zanonato – hanno fatto a gara nel contrastare lo sviluppo delle energie pulite e nel difendere le rendite di posizione dei grandi gruppi elettrici e petroliferi.

In questo senso, a rendere succoso il tutto, abbiamo la prevista partecipazione dell’attuale Ministro per l’Ambiente, Andrea Orlando, che dovrà dare delle risposte ad un’audience non proprio pronta a farsi imbonire.

Di seguito il calendario delle iniziative di giornata:

Ore 10:00 Inaugurazione della festa

  • Apertura degli stand di associazioni, aziende delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica, di vendita prodotti biologici e sostenibili, inizio delle attività e laboratori per bambini e ragazzi, apertura ciclofficina, go-kart a pedali, visite guidate ai Fori, ecc.

DIBATTITI:

  • Ore 10:30 Il futuro dell’energia: autoproduzione, efficienza, smart grid, ricerca, impianti rinnovabili
    distribuiti e territorio Dibattito con associazioni e esperti del settore, partecipa Andrea Orlando (Ministro dell’Ambiente)
  • Ore 14:00 Pillole di energia. Storie dell’Italia che cambia con la generazione distribuita, pulita, efficiente. Interventi selezionati di Sindaci, aziende, cittadini, esperienze di successo.
  • Ore 17:00 La mobilità nuova. Pedoni, pedali e pendolari verso consumi energetici zero. Dibattito con associazioni e esperti del settore, cittadini e comitati.

SPAZIO APERITIVI

  • Laboratorio energetico per le famiglie. Ore 12:00
  • Risparmio energetico in casa. Liberarsi dalle bollette con il solare. Ore 15:00
  • Risparmio energetico in casa. Tutti in classe A, l’efficienza energetica in edilizia.

Informazioni sull'evento
Data 26 Ottobre 2013

Seguici anche sui canali social