Eternit: inizia la lenta bonifica del Piemonte

Eternit: inizia la lenta bonifica del Piemonte

Il Piemonte paga forse il dazio più caro per il dramma Eternit. Al via importanti lavori di bonificazione grazie anche a Legambiente.

Quelli di Legambiente – e non solo loro – lo vanno dicendo da anni: in Italia si muore ancora d’amianto. Le ultime ricerche parlando di ben 32 milioni di tonnellate di materiale tossico sparse per il Bel Paese, soprattutto Eternit, e una media di decessi annui di 4000. Un’ecatombe silenziosa che dovrebbe raggiungere il suo picco solo nel 2020.

Fra le regioni più esposte a questi rischi abbiamo il Piemonte, che ha avuto l’indubbia sfortuna di ospitate le industrie della Eternit. L’amianto, com’è noto, abbonda soprattutto sui tetti delle nostre case, spesso ignorato dagli stessi proprietari. Non sorprende allora che proprio a Torino e d’intorni l’iniziativa di Legambiente Provincia Eternit Free stia avendo particolarmente successo.

Si tratta dell’opportunità di sostituire le componenti in amianto con pannelli fotovoltaici. Il Quarto Conto Energia prevede, fra l’altro, finanziamenti specifici proprio per questo tipi di impianti che diventerebbero fra quelli più convenienti.

Come detto, in Piemonte è prevista la bonifica di ben 400.000 metri quadrati di tetti: un’opportunità energetica non indifferente, oltre che un atto dovuto per la salute di tutti. Speriamo si continui in questa direzione.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella