Età dei gatti, come calcolarla

Età dei gatti, come calcolarla

Fonte immagine: Unsplash

Per calcolare esattamente l'età di un gatto è indispensabile considerare alcuni fattori come razza, vissuto e cure ricevute: ecco come fare.

Definire l’età di un gatto non è un procedimento facile e immediato, perché le indicazioni in merito sono spesso confuse o, al contrario, rappresentate da calcoli elaborati e macchinosi. A livello popolare vige la regola dei setti anni, dove ogni anno del felino andrebbe moltiplicato per sette, in modo da equiparare l’esistenza di Fufi a quella umana: si tratta di un paragone un po’ azzardato, però, poiché non riflette in modo effettivo il processo d’invecchiamento del quadrupede.

Prime fasi

La crescita del gatto è molto rapida, infatti al primo mese di vita corrispondono i 5-6 mesi di un neonato, mentre i tre mesi felini equivalgono ai primi due o tre anni di un bambino. Uno sviluppo veloce che lo porta a diventare maggiorenne intorno al primo anno: a quella data corrispondono i 18 anni umani. Un passaggio importante e fondamentale per il felino che, oltre a crescere mentalmente e fisicamente, matura anche dal punto di vista sessuale.

Età adulta

Gattino

I successivi calcoli felini legati all’età scorrono veloci, perché il gatto diventa rapidamente grande: infatti a tre anni è già un adulto e possiede l’equivalente dei trent’anni umani. Dai cinque agli otto anni Fufi abbraccia la fase successiva della sua vita matura, passando all’equivalente dei quaranta-quarantacinque anni umani, per poi raggiungere i 50-60 anni intorno ai 9-10 anni felini. Il gatto è diventato un esemplare senior e maturo ma non si può considerare vecchio, in particolare se ancora in buona salute, attivo e curioso.

Terza età

Dai dieci ai quindi anni il micio entra nell’ultima fase della sua vita, raggiungendo l’equivalente dei settantacinque anni umani. Ogni anno in più è sicuramente un dono e un evento non così impossibile: il micio può tranquillamente raggiungere i diciotto anni, paragonabili agli ottanta dell’uomo, ma anche superare il traguardo e puntare ai venti anni, ovvero trasformandosi in un over novanta. L’aspettativa di vita è caratterizzata da molti fattori, come ad esempio la razza di appartenenza, l’ambiente in cui vive, la tipologia di alimentazione e le cure ricevute. In rete sono presenti molte tabelle che mettono a confronto età felina ed età umana, non possono considerarsi precise ma sicuramente forniscono un’indicazione di massima.

Longevità

Gatto relax

Come anticipato, un gatto può vivere in media 15 anni, ma non sono rari i casi di esemplari che hanno raggiunto i 18 oppure i 20 anni di età, alcuni anche superando questa data incredibile. Calcolare l’età del felino potrebbe rivelarsi un procedimento molto più semplice di quanto si possa pensare, in particolare se fin dai primissimi giorni ha vissuto al fianco del proprietario. Nel caso invece arrivasse dalla strada o dal gattile, sarà compito del veterinario quantificare la data effettuando una serie di controlli, quindi osservando la salute generale e quella dei denti. Ovviamente sarà una stima di massima perché ogni gatto può mostrare un’età che non possiede realmente: tutto dipende dal trascorso personale e dal livello di cure ricevute.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta