• GreenStyle
  • Salute
  • Esercizio fisico all’aperto potrebbe essere dannoso, colpa dello smog

Esercizio fisico all’aperto potrebbe essere dannoso, colpa dello smog

Esercizio fisico all’aperto potrebbe essere dannoso, colpa dello smog

Svolgere esercizio fisico all'aperto potrebbe non essere salutare come si crede, attenzione va posta soprattutto ai livelli di smog nell'aria delle città.

Chi pratica esercizio fisico all’aperto spesso lo ritiene più salutare ed efficace rispetto al corrispettivo al chiuso. Un assunto che potrebbe non corrispondere esattamente alla realtà secondo alcuni ricercatori coreani. Il rischio sarebbe legato ad alcuni inquinanti presenti nell’aria delle città, in particolare di quelle a maggiore traffico veicolare.

A danneggiare chi pratica esercizio fisico all’aperto sarebbe soprattutto il particolato, tra gli agenti tipicamente emessi dai motori diesel o dalle stufe a legna. I risultati dello studio sono stati presentati in questi giorni durante lo European Academy of Dermatology and Venereology Congress a Madrid. Tra le informazioni emerse anche quella che limitare l’attività sportiva praticata nei pressi di strade trafficate potrebbe aiutare a ridurre la perdita di capelli, ma non solo.

A commento dello studio è intervenuto anche il prof. Ian Colbeck, esperto di inquinamento presso la University of Essex, che ha sottolineato come lo smog e l’inquinamento atmosferico influiscano negativamente anche in relazione a patologie quali “asma, bronchiti croniche, malattie cardiache croniche, ictus e demenza”.

Ad aumentare i rischi legati all’allenarsi all’aperto anche il fatto che la respirazione sotto sforzo porta molta più aria all’interno dei polmoni, e se questa risulta inquinata vi trasferisce anche le varie sostanze nocive in essa contenute. Da non dimentica l’abitudine di molti, quanto affaticati, di abbandonare l’inspirazione nasale per respirare a bocca aperta (rinunciando ai filtri posti all’interno del naso). Ha spiegato Harriet Edwards, senior policy manager per la qualità dell’aria presso la British Lung Foundation:

Respirare aria inquinata può causare sintomi quali l’irritazione delle vie aeree, il sentirsi a corto di fiato e la tosse. Nello scenario peggiore qualcuno con una condizione polmonare può soffrire di peggioramento della propria sintomatologia che si traduce poi in ricovero ospedaliero.

Chi si esercita all’aperto dovrebbe monitorare le allerte sulla qualità dell’aria e, se i livelli iniziano a salire, seguire gli avvisi di ridurre o evitare gli esercizi intensi all’aperto, se così affermato dal loro dottore.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cosa provoca lo smog?