• GreenStyle
  • Pets
  • Ergastolo per i proprietari di cani killer nel Regno Unito

Ergastolo per i proprietari di cani killer nel Regno Unito

Ergastolo per i proprietari di cani killer nel Regno Unito

Nel Regno Unito si vaglia l'ipotesi di aumentare le pene per i proprietari di cani aggressivi e killer, estendendole addirittura all'ergastolo.

Nel Regno Unito si discute della possibilità di introdurre l’ergastolo per i proprietari di cani killer. È quanto accade a seguito della notizia dell’ennesima vittima di esemplari iper-aggressivi, allevati in modo non consono dai proprietari e spesso costretti ai combattimenti clandestini. Così si è aperto il dibattito: le attuali misure di deterrenza non sono sufficienti.

Il Regno Unito è già da tempo all’avanguardia per quanto riguarda non solo la tutela degli animali, ma anche le responsabilità che i proprietari si devono assumere nell’allevamento di un amico a quattro zampe. Così, già ora sono previste delle severe sanzioni pecuniarie e anche la reclusione, limitata a 2-3 anni, nei casi più gravi. Dopo il caso dell’uccisione di Jade Andreson, una quattordicenne sbranata da quattro cani nei dintorni di Manchester, si è riaperto però il dibattito. Il Ministro Lord de Mauley, specializzato in benessere degli animali, ha quindi proposto l’aumento della pena e il governo ha avviato un sondaggio preventivo per comprendere quale sia l’orientamento dell’opinione pubblica.

Tra le tante domande disponibili, così come riporta Il Giornale, spicca questo intervento:

Per i casi che implicano la morte di una persona quale delle seguenti opzioni ritenete più opportuna: 7 anni, 10 anni, 14 anni di prigione o l’ergastolo?

Il sondaggio, che al momento ha valore esclusivamente consultivo e non è detto che venga tradotto immediatamente in legge, parte da uno specifico assunto: il comportamento del cane non è altro che un riflesso di come il proprietario l’ha accudito. Un esemplare aggressivo, un capo che si macchia addirittura dell’omicidio, è in questa condizione perché non gli è stata garantita la giusta educazione comportamentale, di cui gli umani sono responsabili. Di conseguenza, sarebbe giusto punire innanzitutto i proprietari. Per i cani killer, tuttavia, rimarrebbe in vigore la soppressione quando si macchiano di violenze così gravi. Questo il commento di Lord De Mauley:

Gli attacchi mortali o con gravi conseguenze causati dai cani, meritano durissime punizioni e saranno inseriti tra i comportamenti antisociali, come lo stupro e lo stalking.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!