Enzo Salvi, il suo pappagallo preso a sassate

Enzo Salvi, il suo pappagallo preso a sassate

Fonte immagine: Facebook

Enzo Salvi aggredito da un malintenzionato: il suo pappagallo è stato preso a sassate da un giovane di 25 anni, originario del Mali.

Enzo Salvi e il suo pappagallo aggrediti da un ragazzo di 25 anni, originario del Mali. È questa la preoccupante vicenda che ha coinvolto il comico nella giornata di ieri, a cui è seguita l’immediata denuncia alle autorità. Mentre l’attore si trovava in un’area verde in compagnia del suo amato volatile, un malintenzionato ha infatti deciso di prendere a sassate l’animale.

Grande amante degli animali e da sempre sostenitore della loro tutela, Salvi è vicepresidente dell’associazione “Passione Pappagalli Free Flight”. Nella mattinata di ieri, il comico si è recato in un’area verde di Ostia Antica, per permettere all’amato pappagallo di approfittare di qualche momento di volo libero. All’improvviso è però spuntato un giovane che, armato di sassi, ha iniziato a colpire l’animale. L’attore è immediatamente intervenuto per proteggere il suo amico volatile, ma è stato a sua volta aggredito.

Il racconto proviene dallo stesso Salvi, così come riporta il Corriere della Sera:

Ieri mattina presto stavo, come tutte le mattine, in un’oasi di verde, non c’era nessuno. Il mio pappagallo Fly inizia a volare, poi scende e si posa su un palo. All’improvviso, ho visto spuntare come dal nulla un giovane, che ha iniziato a tirargli dei sassi. Lo ha colpito, Fly è caduto a terra esanime e io disperato, pensando fosse morto, gli ho urlato: ‘Che fai?’. A quel punto ha aggredito anche me prima di scappare. Una scena di una violenza da film di Tarantino, per fortuna il mio amico ha potuto scattare delle foto e immortalare la scena.

Il responsabile dell’aggressione è stato rintracciato dai carabinieri e denunciato per maltrattamento di animali. Il pappagallo ha invece riportato la frattura del cranio, come l’attore ha confermato:

Non trovo le parole per descrivere il mio stato d’animo. Da ieri non dormo perché sto malissimo, assistere a una lapidazione senza motivo è scioccante. Io sono contro la violenza, amo gli animali, ora il mio pappagallo si trova con una frattura al cranio, sta lottando tra la vita e la morte, e tutto a causa di una violenza inaudita verso un’anima innocente da parte di una persona che ora è a piede libero, e domani va a tirare i sassi a qualsiasi altra persona o animale. Vanno prese delle posizioni, non si può andare avanti così.

Fonte: Corriere della Sera

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Uno spot contro l’abbandono degli animali