Eni alla Maker Faire Rome: innovazione per l’ambiente

Eni alla Maker Faire Rome: innovazione per l’ambiente

Fonte immagine: Eni

Eni partecipa alla Maker Faire Rome dal 18 al 20 ottobre, con tante iniziative dedicate all'energia sostenibile e all'economia circolare.

Focus sull’innovazione tecnologica, anche rivolta all’ambiente, quella che Eni porta alla Maker Faire Rome – The European Edition. Un evento che richiama esperti, progettisti e maker da tutto il mondo, pronti a mostrare al pubblico idee geniali per un futuro migliore. E proprio Eni, in qualità di Main Sponsor dell’iniziativa, ha deciso di concentrarsi sulle sfide per un Pianeta più sostenibile.

Maker Faire Rome: l’evento

La Maker Faire è un evento nato negli Stati Uniti nel 2006, precisamente a San Francisco, allo scopo di mostrare le innovazioni più geniali in diversi campi della conoscenza umana, come l’ICT, la robotica, l’automazione, la creatività, l’artigianato moderno e molto altro ancora.

Per il 2019 la città scelta per questo importante appuntamento è Roma: l’evento in corso, ribattezzato The European Edition, coinvolgerà infatti la Capitale – e non solo – in una lunga serie di iniziative. Esposizioni, stand, mostre e sfide per i maker provenienti da tutto il mondo: proprio in questo senso, il 5 e il 6 ottobre è stata organizzata a Napoli la “The Big Hack”, una notte caratterizzata da numerose sfide per permettere ai partecipanti internazionali di dimostrare tutta la loro bravura e il loro talento.

Eni è presente all’evento capitolino dal 18 al 20 ottobre eha in programma una lunga serie di interventi aperti a tutti.

Eni a Maker Faire Rome: innovazione ambientale

Eni collabora da sei anni con Maker Faire e, per la The European Edition in corso, ha deciso di focalizzarsi su progetti innovativi legati all’energia e all’acqua, puntando sull’economia circolare. Dal 18 al 20 ottobre, la società è presente all’interno del Padiglione 3 della Fiera con uno spazio di ben 600 metri quadrati, progettato in collaborazione con lo Studio di Design Carlo Ratti Associati.

Ricerca e innovazione sono temi centrali l per Eni, raccontati a Maker Faire attraverso l’esposizione di quattro tecnologie  che il gruppo sta sperimentando per sfruttare un’immensa fonte di energia rinnovabile: il mare. Fra queste, figurano:

  • ISWEC: tecnologia italiana chiamata anche “culla dell’energia”, capace di trasformare il moto ondoso del mare in energia economicamente e ambientalmente sostenibile;
  • Power Buoy: tecnologia incentrata sulla produzione di energia dalle onde, nata per aumentare l’eccellenza operativa delle attività offshore dell’azienda;
  • Place: primo esempio nazionale di conversione di una piattaforma in un sistema integrato e sostenibile di acquacoltura, in un’ottica di economia circolare a supporto di uno sviluppo sostenibile del mare
  • Biofissazione intensificata dalla C02: processo che riproduce la fotosintesi clorofilliana allo scopo di produrre bio-olio, ricavato dall’azione congiunta di microalghe, anidride carbonica e luce solare.
ISWEC
ISWEC trasforma il monto ondoso in energia

Energia circolare: una scommessa per il futuro

All’interno del padiglione di Eni alla Maker Faire Rome si parlerà molto di economia circolare, una vera e propria scommessa per il futuro poiché garantisce non solo uno sviluppo sostenibile, ma anche altamente rispettoso per l’ambiente. Ad esempio, vi sarà la possibilità di ammirare delle vasche di coltura idroponica: un metodo virtuoso pensato per ridurre le necessità di acqua in agricoltura e sensibilizzare sul tema degli sprechi.

Eni alla Maker Faire 2019
Eni alla Maker Faire 2019

Ancora, Eni presenterà anche il “Circular Tour”: un viaggio nelle piazze italiane, organizzato in collaborazione con Coldiretti, tramite ApeCar brandizzati. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di scoprire come cibo ed energia siano degli elementi imprescindibili per lo sviluppo e il benessere delle persone, nonché del Pianeta. Non mancheranno anche laboratori, attività formative e intrattenimento a 360 gradi.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Renzo Pedretti – Corteva Agriscience