• GreenStyle
  • Energia
  • Energia: Terna prima azienda italiana nel settore Electric Utilities

Energia: Terna prima azienda italiana nel settore Electric Utilities

Energia: Terna prima azienda italiana nel settore Electric Utilities

Terna si conferma per il nono anno consecutivo nel prestigioso Dow Jones Sustainability Index World, indice di sostenibilità aziendale a livello mondiale.

Nuovi riconoscimenti internazionali per Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale. Secondo quanto stabilito da RobecoSAM sarebbe la prima azienda italiana del settore Electric Utilities, confermandola per il nono anno consecutivo nel Dow Jones Sustainability Index World. Non solo, la posizione in classifica di Terna è migliorata rispetto al 2016, passando con 89 punti dal quinto al quarto posto (su 64 aziende prese in esame nel settore “Electric Utilities”).

Soltanto sette le aziende italiane incluse nell’indice di sostenibilità redatto da RobecoSAM, dato che rende il posizionamento di Terna nel Dow Jones Sustainability Index World (indice che indica le 320 realtà che tra le maggiori aziende mondiali esprimono con la massima autorevolezza la Sostenibilità). Come ha commentato l’amministratore delegato di Terna, Luigi Ferraris:

L’inclusione di Terna nel Dow Jones Sustainability Index anche per quest’anno conferma la Sostenibilità come aspetto determinante nella creazione di valore per i nostri stakeholders. Riteniamo che proprio la Sostenibilità sia fondamentale per coniugare gli obiettivi di minimo impatto ambientale e riduzione dei costi per il sistema come elementi chiave dei nostri investimenti per il Paese.

Particolarmente alto il punteggio ottenuto da Terna per quanto riguarda la “dimensione ambientale”, 95/100, frutto della strategia di contrasto del cambiamento climatico messa in atto dall’azienda, unitamente alla “completezza dei sistemi di gestione ambientale e di tutela della biodiversità” e a specifici “indicatori ambientali della trasmissione elettrica”. Primato italiano (secondo l’agenzia Vigeo-Eiris) e punteggio tra i più alti secondo RobecoSAM nel nuovo criterio “Human Rights”, attenzione per i diritti umani.

Tra i fattori che hanno concorso al buon posizionamento di Terna figurano le performance di sostenibilità delle imprese a maggiore capitalizzazione, con un’analisi dettagliata operata da RobecoSAM riguardo i sistemi aziendali di “governo dei rischi e delle opportunità” legate agli impatti sociali e ambientali delle aziende.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella