Elezioni USA 2020, Biden sfida Trump su ambiente e clima

Elezioni USA 2020, Biden sfida Trump su ambiente e clima

Fonte immagine: Commons Wikimedia

Ambiente e clima saranno i nodi centrali delle prossime elezioni USA, con Biden pronto a far rientrare gli USA nell'Accordo di Parigi.

Ruoterà intorno a temi come l’ambiente e il clima la sfida per le elezioni USA. Biden e Trump presentano agli elettori statunitensi due visioni profondamente differenti. Da un lato il candidato Democratico, che punta a rilanciare la lotta ai cambiamenti climatici, dall’altra il Tycoon, storicamente negazionista.

Ad analizzare la campagna elettorale statunitense e le possibili prospettive dopo il voto sono stati alcuni istituti bancari. Crédit Suisse vede come probabile una vittoria di Biden, salvo tuttavia sottolineare che difficilmente il candidato Democratico interromperà la lotta alla Cina.

Oltre a sottolineare le possibili ripercussioni legate anche al cambio di leadership nelle Camera statunitensi, gli istituti bancari hanno analizzato ulteriori aspetti. Quello della globalizzazione ad esempio, dove la vittoria di Biden si dovrebbe tradurre in una maggiore disponibilità da parte degli USA verso gli altri Paesi. Ad eccezione della Cina, verso la quale non sono attese variazioni (almeno non nell’immediato).

Novità sono prefigurate anche sul fronte delle infrastrutture e della politica interna. Uno dei temi centrali, forse quello di maggiore scontro tra i due candidati è quello dell’ambiente.

Elezioni USA, Biden pronto a investire 2mila miliardi sull’ambiente

Ambiente e cambiamenti climatici saranno oggetto, in caso di vittoria di Joe Biden, di una vera e propria rivoluzione. Secondo il parere di Marie Lassegnore, credit fund manager a La Française AM, il candidato Democratico agirà in maniera aggressiva contro le emissioni di CO2. Biden punta a rendere gli Stati Uniti una nazione “zero emission“, sul fronte della produzione elettrica, entro il 2035.

Ciò vuol dire forti investimenti sulle energie rinnovabili, con un piano da 2mila miliardi di dollari in quattro anni. Altro punto fondamentale sarà il ritorno degli USA entro i termini dell’Accordo di Parigi. Sostegno alle fonti pulite, ma anche alla mobilità sostenibile e alla sostenibilità degli edifici.

Nelle aspettative del Partito Democratico la creazione di 1 milione di posti di lavoro soltanto nel settore della mobilità elettrica e dei punti di ricarica. Altrettanti occupati sono attesi dall’edilizia e dalla realizzazione di infrastrutture green.

Fonte: La Repubblica

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Un time lapse mostra come l’uomo sta distruggendo la Terra