• GreenStyle
  • Pets
  • Elefanti, strage in Sri Lanka: forse uccisi dagli agricoltori

Elefanti, strage in Sri Lanka: forse uccisi dagli agricoltori

Elefanti, strage in Sri Lanka: forse uccisi dagli agricoltori

Fonte immagine: Pexels

Strage di elefanti in diverse zone dello Sri Lanka, forse avvelenati da agricoltori locali: la convivenza tra uomo e pachidermi diventa più difficile.

Diversi elefanti sono stati rinvenuti senza vita nello Sri Lanka, forse uccisi da alcuni agricoltori locali. Sono almeno sette i corpi rinvenuti nelle ultime ore, anche se si teme il conteggio possa essere più alto: in varie zone del Paese, infatti, è in atto un vero e proprio scontro tra i grandi pachidermi e i contadini. Un problema che potrebbe non trovare una risoluzione nel breve periodo, poiché la veloce urbanizzazione ha portato uomo e animali a condividere sempre più spazi vitali, entrando in diretto conflitto.

Sulla base delle rilevazioni effettuate sul campo – in particolare di tre grandi pachidermi, trovati a distanza ravvicinata nei pressi della riserva archeologica di Sigiriya – le autorità negano che gli elefanti siano morti per cause naturali. Sul loro corpo non vi sono ferite da arma da fuoco né risultano mancanti le zanne – dettagli che escluderebbero quindi l’azione dei bracconieri – per questo si sospetta un avvelenamento perpetrato dagli agricoltori.

Poiché gli elefanti, costretti a spingersi sempre più lontano dalle loro foreste a causa dell’urbanizzazione, entrano nei campi per nutrirsi degli ortaggi coltivati, non si può escludere che alcuni agricoltori abbiano organizzato una vendetta per punirli del raccolto perduto. Al momento non è noto il tipo di sostanza che potrebbe essere stato somministrato agli animali, per questo le autorità hanno disposto l’analisi autoptica sulle carcasse rinvenute.

Sebbene lo Sri Lanka preveda delle leggi severissime per l’uccisione degli elefanti, la soppressione di questi esemplari è aumentata sensibilmente nel corso degli ultimi anni. La popolazione locale vede ora soltanto 7.000 esemplari, contro i 12.000 del secolo scorso, e la maggior parte è scomparsa proprio per l’azione dell’uomo. La condivisione forzata degli spazi di vita diventa inoltre sempre più difficile, tanto che i pachidermi – stressati dalla difficoltà nel rinvenire cibo e dalla presenza di villaggi – causano il decesso di 50 persone ogni anno, così come riporta Il Messaggero.

Fonte: Il Messaggero

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il santuario degli elefanti in India