• GreenStyle
  • Pets
  • Elefanti: il Principe Harry aiuterà il ripopolamento in Zambia

Elefanti: il Principe Harry aiuterà il ripopolamento in Zambia

Elefanti: il Principe Harry aiuterà il ripopolamento in Zambia

Fonte immagine: Caranto via Shutterstock

Il Principe Harry aiuterà il ripopolamento di elefanti in Zambia, trasferendo alcuni esemplari dal Botswana: ecco tutti i dettagli del progetto.

Il Principe Harry scende in campo per la protezione degli elefanti, promettendo il suo aiuto per il ripopolamento dei grandi pachidermi in Zambia. È quanto rendono note alcune fonti internazionali, nel sottolineare come il duca di Sussex abbia promesso di fare quanto in suo possesso per agevolare il trasferimento di alcuni esemplari dal Botswana.

Harry è da tempo impegnato nella salvaguardia degli animali in via d’estinzione, lavorando in stretto contatto con numerose realtà locali. Come presidente dell’associazione benefica African Parks, il Principe ha incontrato il Presidente dello Zambia Edgan Lungu. Dall’incontro, avvenuto a porte chiuse, sarebbe stato raggiunto un accordo con l’associazione per facilitare il trasferimento di elefanti dal Botswana, affinché si possa ristabilirne la presenza all’interno dei territori della nazione. Un portavoce governativo ha confermato la notizia alla stampa, così come riportano Reuters e Africa News:

Il Principe Harry ha promesso al Presidente, nel corso di un incontro a porte chiuse, che African Parks sarà d’aiuto nel trasferire tra i 500 e i 1.000 elefanti dal Botswana al Kafue National Park dello Zambia. Il principe sottolinea come questo progetto potrà anche incrementare il turismo in Zambia, creando nuovi posti di lavoro, soprattutto per i più giovani.

Il Botswana è da sempre considerato uno dei paradisi per gli elefanti, poiché in questo Paese i tassi di bracconaggio sono molto ridotti, anche se negli ultimi tempi vi è stato un piccolo ma preoccupante incremento. Così come svelato da un recente studio, gli stessi pachidermi hanno compreso come la nazione sia sicura, tanto che spontaneamente avviano dei flussi migratori dalle nazioni limitrofe. L’obiettivo è ora quello di realizzare un approdo sicuro anche in Zambia, dove questi animali possano vivere protetti, sfuggendo così alle mire dei cacciatori di frodo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il pappagallo che abbaia!