• GreenStyle
  • Pets
  • Elefanti morti in Botswana, sale a 350 il numero delle vittime

Elefanti morti in Botswana, sale a 350 il numero delle vittime

Elefanti morti in Botswana, sale a 350 il numero delle vittime

Fonte immagine: Pixabay

Aumenta il numero di elefanti morti in Botswana, per cause ancora sconosciute dagli esperti: i pachidermi non sono infatti stati uccisi da bracconieri.

La misteriosa moria di elefanti in Botswana continua a mietere vittime, con cifre che crescono rapidamente di giorno in giorno. Gli ultimi aggiornamenti confermano 350 pachidermi deceduti, praticamente il doppio della cifra riportata un paio di settimane fa. E le cause rimangono ancora sconosciute: è stato infatti escluso il bracconaggio, poiché i cadaveri presentano zanne completamente intatte.

La condizione è drammatica e si protrae ormai da diversi mesi. Dall’inizio della primavera, gli esperti hanno rinvenuto un numero sempre maggiore di elefanti deceduti, per cause ancora tutte da stabilire. Tutti gli esemplari si trovano nel delta dell’Okavango e, come già accennato, non sono stati privati delle loro zanne: un fatto che porterebbe a escludere l’azione di cacciatori di frodo.

Elefanti: una morte misteriosa

Lo scorso mese sono state condotte analisi per verificare che i pachidermi non siano entrati in contatto con veleni, come l’antrace, test che hanno tuttavia dato esito negativo. Altre indagini autoptiche non sono state in grado di identificare virus o infezioni batteriche diffuse: la moria rimane quindi ancora largamente un’incognita, con nuovi esami che verranno condotti negli ultimi giorni.

L’aumento repentino dei casi è stato scoperto grazie a una ricognizione in elicottero. Alcuni esperti locali in conservazione hanno sorvolato l’intero delta dell’Okavango, trovando circa 169 esemplari morti in tre ore, cifra salita a 350 dopo diverse settimane di monitoraggio.

Niall McCann, ricercatore per l’organizzazione National Park Rescue, ha giudicato estremamente preoccupante quello che sta accadendo in Botswana:

Questo evento non ha precedenti in termini di elefanti morti in un singolo episodio, non connesso a condizioni di siccità. […] Sono solo gli elefanti a morire, nessun’altra specie: se si trattasse di avvelenamento da parte dei bracconieri, ad esempio, si troverebbero anche altri animali morti […]. È un disastro di conservazione, ma ha anche il potenziale di essere una crisi di salute pubblica.

Cyril Taolo, direttore del dipartimento per la gestione dei parchi nazionali del Botswana, ha manifestato cautela sull’accaduto:

Abbiamo inoltrato dei campioni per delle analisi e stiamo attendendo i risultati, che dovrebbero arrivare in un paio di settimane.

Fonte: BBC

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Orso M49: il video editoriale di Alfonso Pecoraro Scanio