• GreenStyle
  • Salute
  • Edifici efficienti un rischio per la salute, colpa dell’umidità

Edifici efficienti un rischio per la salute, colpa dell’umidità

Edifici efficienti un rischio per la salute, colpa dell’umidità

Lavori di efficienza energetica un rischio per alcuni edifici secondo i ricercatori britannici, a rischio anche la salute degli occupanti.

Edifici ad alta efficienza malati di muffa tossica. Il problema sta cominciando a presentarsi di recente in circa la metà degli edifici appena costruiti o recentemente sottoposti a lavori di ristrutturazione. Colpa dell’umidità, terreno fertile per le colture di spore che macchiano le pareti e danneggiano la salute degli occupanti.

Secondo le analisi condotte nel Regno Unito dall’Health and Safety Executive (HSE) il problema riguarderebbe una percentuale di edifici compresa tra il 30 e il 50% del totale. Nei casi più gravi, l’improvviso proliferare di muffa tossica ha portato al completo deperimento di mobili e finiture interne.

Caso eclatante in Canada, dove si è dovuto abbandonare dopo un’errata ristrutturazione l’Alberta Court of Appeal (edificio storico di circa 87 anni). Giudici e impiegati era stati colpiti, subito dopo la riapertura, da lacrimazione agli occhi, irritazione ai polmoni e spossatezza.

Dopo un’iniziale incertezza riguardante la causa di tali problematiche alla salute, le successive analisi hanno dimostrato come fosse proprio la muffa a scatenare negli occupanti le reazioni fisiche. Colpa dell’umidità presente nell’edificio, intrappolata nelle pareti a causa dei lavori di ristrutturazione e di efficientamento energetico.

Al disturbo generato da tali condizioni l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha dato il nome di sindrome dell’edificio malato (SBS, Sick Building Syndrome). Un problema che riapre il dibattito, secondo quanto riferisce , sull’importanza dell’efficienza energetica e del rispetto delle condizioni minime di salute:

Non è soltanto far sembrare l’edificio più bello e non è solo farlo essere più efficiente.

La muffa che può colpire un edificio può rappresentare allo stesso tempo una minaccia più o meno seria per almeno il 4% della popolazione mondiale, con problematiche che possono arrivare fino a comprendere febbre ed eczemi. Possibili problematiche legate anche a chi soffre di asma, con la muffa che si ritiene responsabile per oltre la metà dei casi più seri di crisi respiratorie asmatiche.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi sorprendenti dell’aloe vera