Ecomondo 2019: le migliori novità per ogni tematica

Ecomondo 2019: le migliori novità per ogni tematica

Fonte immagine: Ecomondo

Ecomondo 2019 si svolgerà dal 5 all'8 novembre a RiminiFiera: le migliori novità per ciascuna area tematica.

Ecomondo 2019 è in programma a RiminiFiera dal 5 all’8 novembre. Organizzata da Italian Exitibithion Group, la fiera internazionale dedicata alla Green Economy, alla corretta gestione delle risorse e dei rifiuti si snoderà lungo quattro macro-aree tematiche, ciascuna delle quali elemento di rilievo per quanto riguarda l’economia circolare.

Diverse iniziative si affiancheranno e contribuiranno a infoltire l’offerta dedicata ai visitatori di Ecomondo 2019. Espositori e stakeholder da tutto il mondo si riuniranno a RiminiFiera anche per partecipare alle iniziative legate a Key Energy, che si focalizzerà sulle fonti energetiche rinnovabili, la mobilità sostenibile e tutti quegli aspetti che contribuiscono a rendere più “smart” le città.

Ingressi e orari d’apertura

L’accesso ai padiglioni di RiminiFiera durante Ecomondo 2019 sarà possibile acquistando i tagliandi messi a disposizione dall’organizzazione. Due le possibilità, ovvero l’acquisto tramite la biglietteria presente in fiera o attraverso lo shop online. Pur con alcune variazioni di prezzo, in entrambi i casi saranno disponibili ingressi giornalieri singoli (validi per una sola giornata e un unico accesso) e degli abbonamenti da due giornate.

L’orario di apertura dei cancelli è previsto per le 9 del mattino, mentre la chiusura è programmata per le ore 18. Tali indicazioni saranno valide per tutte le giornate di Ecomondo, dal 5 all’8 novembre 2019. Di seguito le principali novità per ciascuna area tematica.

Rifiuti e risorse

Evoluzione e trasformazione del riciclo dei rifiuti al centro di questa edizione di Ecomondo. A promuovere nuove strade relative a questi settori l’approvazione definitiva del Pacchetto sull’Economia Circolare UE e il conseguente recepimento a livello nazionale, grazie al quale potranno essere studiate e applicate norme e soluzioni concrete per una Circular Economy reale.

Spazio quindi a soluzioni innovative per la gestione integrata e la valorizzazione dei materiali, intesi concretamente come risorse. Materie prime seconde corrispondenti a quanto richiesto dal settore manifatturiero tra le nuove opzioni, affiancando di fatto le materie prime vergini.

All’interno dell’area tematica “Rifiuti e Risorse” ci sarà spazio anche per tecnologie e macchinari per il trattamento dei rifiuti, oltre alle novità per quanto riguarda attrezzature e mezzi per gestirne la raccolta e il trasporto. Da non dimenticare infine la sezione dedicata ai macchinari e alle attrezzature per la movimentazione e il sollevamento, che vede la collaborazione attiva di ASCOMAC: Federazione Nazionale Commercio Macchine, con le Unioni CANTIERMACCHINE – UNIMOT – UNICEA e UNACEA (Unione Nazionale Aziende Construction Equipment & Attachments).

Bioeconomia Circolare

Questa area tematica poggia le basi su tre differenti aspetti, ovvero: “Bioeconomia Circolare“, “BioEnergie”, “Agrifood e Blue Growth“. Soprattutto sulle prime due si concentrano le attenzioni, con innovazioni e soluzioni per ottimizzare il business delle imprese che si occupano di risorse biologiche rinnovabili di come quest’ultime possano diventare prodotti a base biologica e da bioenergia sfruttando tecnologie innovative ed efficienti di biotecnologia industriale.

Si parlerà anche di bioplastiche, biopolimeri e prodotti dalla trasformazione dello scarto organico, ma anche nuove soluzioni per il compostaggio e la filiera agroindustriale, con due target precisi:

  • Espositori – biotecnolgie industriali, alghe, biomasse, bioraffinerie, biopolimeri, bioenergia, biocarburanti, prodotti chimici biobased, biolubrificanti, tensioattivi biobased, materiali biobased, inclusi i materiali da costruzione;
  • Visitatori – acquirenti in cerca di applicazioni da aziende biochimiche, impiantistica, feedstock, fornitori, consultants, analisti e gli investitori R & D, professionisti, ricercatori di istituti accademici, policymakers, regolatori, ONG.

Riguardo il tema Bioenergie si discuterà soprattutto delle novità introdotte con il ritiro a prezzo prefissato (da parte del GSE) del biometano avanzato e dei CIC, che garantirà, spiegano gli organizzatori, la “bancabilità degli investimenti nel settore, e la riconversione degli impianti esistenti”.

Bonifica e rischio idrogeologico

Alcuni dei principali attori nei settori delle tecnologie legate a Bonifica e alla Gestione dei Siti Contaminati saranno presenti a Ecomondo 2019. Quest’area ospiterà anche le attività di Decomissioning o legate al riutilizzo delle aree industriali dismesse o abbandonate.

Previsto inoltre un nuovo settore, dedicato espressamente al Dissesto Idrogeologico. Qui verranno presentati “sistemi e soluzioni di prevenzione per il rischio idrogeologico e i principali rischi climatici, le inondazioni e l’erosione delle coste”.

Acqua

All’acqua è dedicato il Global Water Expo, la sezione dedicata al ciclo idrico integrato delle acque nella sua interezza, dalla captazione fino alla restituzione all´ambiente. Di seguito invece i focus specifici per l’edizione 2019:

  • Acqua ed economia circolare: efficienza, recupero sostenibile di energia e riuso nello scenario nazionale ed europeo
  • Acqua e regolazione: modelli di governance più efficienti, parametri di qualità, investimenti, tariffe, imposte e sussidi in Italia ed Europa
  • Acqua e agricoltura: trattamento, riuso ed irrigazione efficiente alla luce del nuovo regolamento Eurounitario
  • Acqua e salute: piani di sicurezza delle acque, analisi e gestione del rischio sanitario ed ambientale nell’uso e riuso
  • Le attività del commissario straordinario unico per la depurazione in Italia: aggiornamento sullo stato dei lavori
  • Gestione integrata di acque e rifiuti urbani: esempi dimostrativi di bioeconomia circolare nelle città Italiane ed Europee
  • Soluzioni digitali: analisi dati per supporto alle decisioni per efficienza, quali tecnica e sostenibilità economica ed ambientaleAcqua ed economia circolare: efficienza, recupero sostenibile di energia e riuso nello scenario nazionale ed Europeo

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Ecomondo 2018: intervista a Giovanni Teodorani Fabbri – Fater SMART