Ecoalberghi: sono 23 le strutture al top secondo Legambiente

Ecoalberghi: sono 23 le strutture al top secondo Legambiente

Legambiente Turismo ha appena diffuso l'elenco delle strutture vacanziere con spiccata propensione ecologica: 23 nella top list

Come consuetudine con l’avvicinarsi del periodo di Ferragosto, Legambiente ha pubblicato la lista di quelle che si possono definire “eco-strutture“, ovvero le strutture turistiche e per la ristorazione rispondenti a tutti i requisiti di eco-efficienza che sempre più spesso vengono apprezzate dai tantissimi turisti che decidono di trascorrere le vacanze in Italia.

Per quest’anno sono numerose le attività selezionate da Legambiente Turismo sulla base di criteri come l’attenzione alla raccolta differenziata, la fornitura ai clienti di informazioni ambientali, l’offerta di servizio di mobilità sostenibile e, ultima ma non meno importante, la fornitura di prodotti tipici del patrimonio gastronomico italiano.

Le strutture che rientrano in questi criteri e che fanno parte dell’etichetta ecologica di Legambiente Turismo si dividono tra 23 hotel, agriturismi, bad & breakfast, campeggi, ristoranti e osterie, per complessive 402 strutture distribuite un po’ in tutte le regioni italiane da Nord a Sud, Isole comprese.

Si tratta di un’offerta caratterizzata dall’attenzione alle tematiche ambientali che conta oltre 65.000 posti letto, con un totale di presenze pari a circa 6 milioni, cioè numeri di assoluta importanza sottolineati dal presidente nazionale di Legambiente Turismo Luigi Rambelli:

Anche nella crisi economica l’ambiente è sempre più un fattore competitivo, come sottolineano le rilevazioni di mercato che indicano come l’apprezzamento per il paesaggio, per i beni culturali e ambientali e la qualità del cibo siano gli elementi che ancora salvano la nostra “industria” del viaggio. Tutte le imprese selezionate, oltre ad aver onorato gli impegni obbligatori concordati hanno aggiunto innovazioni nell’uso razionale delle risorse naturali, si sono adoperate per la tutela dell’ambiente e delle destinazioni di vacanza.

Tutte le strutture entrate a far parte dell’elenco sono state attentamente valutate dagli addetti dell’associazione ambientalista, per verificare sul campo se e quanto ognuna di esse rispondeva ai parametri richiesti per poter avere l’etichetta di Legambiente Turismo. In mezzo alle 402 che hanno superato la prova vi sono state però 6 attività che non sono state ritenute all’altezza e alle quali verrà ritirata l’etichetta entro fine anno, mentre altre 6 sono state “rimandate”, per cui saranno necessari ulteriori sopralluoghi al fine di verificare la rispondenza agli standard previsti dall’iniziativa.

Per quanti fossero in procinto di partire per le vacanze e volessero provare da vicino una delle 402 strutture attualmente selezionate è possibile accedere all’elenco completo disponibile sul sito ufficiale di Legambiente Turismo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Turismo, nel Sahara in bicicletta