• GreenStyle
  • Salute
  • Tablet ed e-reader prima di dormire rovinano il sonno, studio avverte

Tablet ed e-reader prima di dormire rovinano il sonno, studio avverte

Tablet ed e-reader prima di dormire rovinano il sonno, studio avverte

Utilizzare tablet ed e-reader prima di dormire rovina la qualità del sonno secondo uno studio del Brigham and Women's Hospital.

Utilizzare e-reader e tablet a letto rovina il sonno. Stando a quanto pubblicato dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital (BWH) l’utilizzo di tali apparecchi porterebbe ad alterare i normali ritmi circadiani alterando sia la durata che la qualità del riposo.

L’origine del potenziale danno al riposo notturno derivato da tablet ed e-reader risiederebbe nelle luci emesse dai dispositivi durante il loro funzionamento, sorgenti luminose non presenti nei libri stampati, ma in grado di provocare un incremento della produzione di melatonina e una conseguente alterazione dei ritmi del sonno.

Durante lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academies of Sciences, i 12 partecipanti sono stati suddivisi in maniera casuale in due gruppi. Metà di loro hanno letto per quattro ore, prima di andare a dormire, un libro elettronico su tablet iPad mentre gli altri un volume stampato. Trascorsi i cinque giorni di test sono stati invertiti i ruoli e chi leggeva dal cartaceo è passato al dispositivo mobile e viceversa. Come ha spiegato la Dr.ssa Anne-Marie Chang, PhD, neuroscienziata associata presso la divisione Disturbi del sonno e circadiani del Brigham and Women’s Hospital:

Abbiamo riscontrato come i naturali ritmi circadiani del corpo siano interrotti dalle luci arricchite con onde a onde corte, anche note come luci blu, emesse dai dispositivi elettronici. I partecipanti che leggevano un libro in formato elettronico avevano bisogno di più tempo per addormentarsi e hanno vista ridotta la sensazione di sonnolenza serale, ridotta la secrezione di melatonina, spostarsi in avanti il loro orologio circadiano e ridotta la loro reattività al mattino rispetto a chi leggeva un libro stampato.

Qualità del sonno che tenderebbe al peggioramento proprio a causa della presenza in camera da letto dei dispositivi elettronici, conclude l’autore principale dello studio, il Dr. Charles Czeisler:

Negli ultimi 50 anni c’è stato un declino nella durata media del sonno e nella qualità del riposo. Da quando le persone hanno iniziato a scegliere dispositivi elettronici per leggere, comunicare e intrattenersi, soprattutto bambini e adolescenti che sperimentano già perdite significative di sonno, una ricerca epidemiologica che valuti le conseguenze a lungo termine di questi dispositivi sulla salute e la sicurezza si è resa necessaria con urgenza.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella