• GreenStyle
  • Consumi
  • eBay rinuncia al carbone con un data center a rinnovabili e fuel cell

eBay rinuncia al carbone con un data center a rinnovabili e fuel cell

eBay rinuncia al carbone con un data center a rinnovabili e fuel cell

eBay abbandona il carbone in favore delle fuel cell a gas naturale per alimentare il suo data center di South Jordan, nello Utah.

Le pressioni delle associazioni ambientaliste contro le grandi aziende del web, accusate di consumare troppa energia nei loro data center e in gran parte energia prodotta dal carbone, inizia a dare i primi risultati. Dopo l’annuncio di Apple, che ha promesso un iCloud 100% rinnovabile entro la fine dell’anno, ora è il noto sito di aste online eBay a fare una mossa molto simile.

Il nuovo data center eBay di South Jordan, nello Utah, sarà alimentato con un grosso impianto fotovoltaico sul tetto e con un ancor più grosso impianto a fuel cell. I pannelli solari hanno una potenza di 665 kW di picco, mentre le celle a combustibile arrivano a 6 MW. Secondo Bloom Energy, che ha progettato e realizzato il sistema, il data center eBay dello Utah sarà ancora connesso alla rete elettrica nazionale, ma solo per garantire il backup e non rischiare il black out.

Le fuel cell di Bloom Energy funzionano con il gas naturale, con la possibilità di essere ricaricate anche con il biogas. Non è certamente la soluzione più ecologica che eBay potesse adottare, ma è mille volte meglio dell’energia elettrica prodotta dal carbone. Soprattutto è importante che si stia sperimentando un modo nuovo di alimentare le fabbriche di bit, invertendo la tendenza degli scorsi anni di costruire i data center negli Stati americani più forniti di centrali nucleari e a carbone, dove l’elettricità costa di meno.

Nello Utah, in particolare, l’82% dell’elettricità è prodotto dal carbone e fino all’anno scorso la legge non prevedeva la possibilità di costruire impianti di produzione di energia delocalizzati, come quello a fuel cell di eBay. è stata proprio eBay a far pressione sul Governo locale affinché cambiasse la legge, come spiega Greenpeace:

L’anno scorso eBay ha fatto lobbing con successo sul Governo dello Stato per cambiare la legge e ottenere il diritto di potersi costruire le proprie centrali elettriche. Questo è un grande esempio di sostegno che le compagnie IT possono dare a un livello statale e federale affinché si produca più energia rinnovabile. Ora, eBay ci ha messo anche i soldi alimentando il suo impianto con le fuel cell e non con il carbone

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci