Earth Day: Microsoft lancia il supercomputer per l’ambiente

Earth Day: Microsoft lancia il supercomputer per l’ambiente

Fonte immagine: Pixabay

Microsoft ha presentato il nuovo progetto di supercomputer per l'ambiente denominato Planetary Computer, iniziativa a sostegno della biodiversità mondiale.

Un supercomputer basato sull’intelligenza artificiale per sostenere la tutela ambientale. A presentarlo è Microsoft, che ha deciso di chiamare questo nuovo strumento “Planetary Computer“. L’elaboratore aggregherà e analizzerà i dati, relativi all’ambiente, provenienti da tutto il mondo. Studiato all’interno del progetto internazionale “AI for Earth“, lanciato dalla stessa compagnia di Redmond, il nuovo strumento è stato presentato alla vigilia dell’Earth Day e permetterà ai governi, alle organizzazioni, ma anche alle aziende di mettere a punto e applicare piani per salvaguardia della Terra.

Secondo quanto rivelato da Brad Smith, presidente Microsoft, il progetto Planetary Computer si baserà su quattro direttive principali. Attraverso questi “principi” si snoderà il percorso verso la tutela della biodiversità. A cominciare dall’elaborazione dei dati per comprendere e interpretare la realtà ambientale attuale.

Tale tecnologia dovrà essere poi estesa anche a partner e clienti, al fine di permettere loro di prendere decisioni più consapevoli per quanto riguarda il proprio impatto ambientale ed eventuali ulteriori iniziative.

L’impegno di Microsoft verso la biodiversità comprenderà anche una maggiore presenza per quanto riguarda “questioni di politica pubblica legate agli ecosistemi”, una linea che verrà seguita attraverso il patrocinio e il sostegno a iniziative che puntano a gestire e salvaguardare ecosistemi sia a livello nazionale che globale). Infine un’assunzione di responsabilità per l’impatto ambientale generato dalle proprie operazioni dirette, allo scopo di arrivare entro il 2050 alla protezione di “più terra di quella che utilizziamo”.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Pierluigi Sassi