e-Solex, il motorino amico dell’ambiente

e-Solex, il motorino amico dell’ambiente

Il mitico Solex oggi ha un erede nuovo di zecca, e-Solex, il motorino elettrico che, con soli 5 euro di spesa, è in grado di percorrere la bellezza di 1000 Km se supportato dalla pedalata assistita. Di produzione francese, ma dal design italiano firmato Pininfarina, e-Solex si differenzia dagli altri motorini elettrici per la leggerezza […]

Il mitico Solex oggi ha un erede nuovo di zecca, e-Solex, il motorino elettrico che, con soli 5 euro di spesa, è in grado di percorrere la bellezza di 1000 Km se supportato dalla pedalata assistita. Di produzione francese, ma dal design italiano firmato Pininfarina, e-Solex si differenzia dagli altri motorini elettrici per la leggerezza (pesa solo 40Kg), per la grande autonomia e per la maneggevolezza e il comfort di guida.

e-Solex, per ora in vendita solo in Francia ma reperibile anche nel nostro paese, si ricarica comodamente in una banale presa di corrente, impiegando circa 6 ore per un ciclo di carica completo. La batteria a ioni di litio è in grado di tollerare oltre 1000 cicli di ricarica. L’energia elettrica alimenta a sua volta un piccolo motore da 400W in grado di raggiungere i 45Km/h. La velocità è limitata elettronicamente.

Ottime le prestazioni anche sotto il profilo della sicurezza, l’e-Solex infatti è equipaggiato con due freni a disco, sospensione meccanica all’anteriore e ottima tenuta di strada. Un occhio di riguardo è stato riservato anche al comfort del conducente, sono presenti infatti sella ammortizzata, manubrio servo-assistito, piccolo computer di bordo, bauletto porta oggetti; silenzioso, agile e leggero l’e-Solex è in grado di districarsi facilmente per i piccoli centri cosi’ come nelle strade urbane.

Omologato come ciclo-motore a tutti gli effetti, per guidare il Solex del XXI secolo occorre il casco, l’assicurazione e la targa. Dettagli importanti viste le recenti polemiche seguite alle multe inflitte ad inconsapevoli conducenti di veicoli elettrici, convinti di condurre nulla più che normalissime biciclette!

La diffusione di veicoli elettrici di ogni genere, come l’e-Solex, è certamente un fatto positivo per raggiungere la tanta auspicata mobilità sostenibile. A ciò deve comunque associarsi una produzione elettrica proveniente da energie rinnovabili in grado di “rifornire” tali veicoli in maniera eco-sostenibile, altrimenti lo sforzo risulterà vano se non controproducente.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Festival del Verde e del Paesaggio 2019: intervista a Gaia Zadra