E-Cat: uno dei reattori statunitensi sarebbe già in funzione

E-Cat: uno dei reattori statunitensi sarebbe già in funzione

In un'intervista radio, Andrea Rossi rivela alcuni dettagli sulla produzione di E-Cat e sulla messa in funzione negli USA.

Andrea Rossi si prende la ribalta dei media con una mossa a sorpresa: un’intervista in italiano alla radio NewLifeRadio. In essa, l’ingegnere chiarisce e riassume le potenzialità tecniche del suo E-Cat, pur senza violare i segreti industriali (in pratica non dicendo nulla di nuovo in tal senso). Ma le rivelazioni importanti non mancano.

Dopo aver ribadito l’assoluta valenza dei celebri test effettuati sul reattore a fusione fredda da un team di ricercatori indipendenti, Rossi ha ricordato come alla fine se una cosa tecnicamente funziona, produrne un esemplare è il miglior modo per mettere a tacere i critici. E degli impianti spediti in USA, almeno uno sarebbe già tranquillamente in funzione, in mano a partner statunitensi. Non solo! Tali partner hanno intenzione di uscire in pubblico con una conferenza stampa. Se non lo fanno ancora è solo per prudenza: si aspetta di tenere il reattore acceso e in prova per alcuni mesi, in modo da finire i test e avere ogni dato sotto controllo.

Ovviamente non c’è modo di scoprire se quanto detto dall’ingegnere coincida col vero; fra l’altro, Rossi ha anche chiarito di avere una laurea in ingegneria solo honoris causa e di aver svolto accademicamente studi di filosofia.

Nel corso dell’intervista Rossi ha, poi, spiegato come non intenda partecipare al teatrino fantascientifico del “come cambierà il mondo se l’E-Cat funziona”. L’ingegnere/filosofo si è detto per il momento interessato solo a produrre una macchina che funzioni, lasciando le speculazioni agli altri.

Infine, un’altra radio, Radio24, manderà stasera in onda una trasmissione dedicata alla fusione fredda, cui dovrebbe partecipare un ricercatore del settore. Ora d’inizio della trasmissione: 21.00.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea