• GreenStyle
  • Energia
  • “L’E-Cat è sicuro e non emette raggi gamma”, Rossi si contraddice?

“L’E-Cat è sicuro e non emette raggi gamma”, Rossi si contraddice?

“L’E-Cat è sicuro e non emette raggi gamma”, Rossi si contraddice?

L'E-Cat non produrrebbe nessun tipo di radiazione, neanche raggi gamma. Rossi lo conferma, contraddicendo quanto dichiarato neanche un mese fa.

A gennaio avevamo dato spazio ad alcune interessanti dichiarazioni di Andrea Rossi sul suo E-Cat. L’ingegnere riferiva di non essere sicuro che la reazione nucleare in questione fosse propriamente di fusione, anche se c’erano le evidenze che un certo livello di fusione nucleare fosse presente. La prova? L’emissione di “511 keV di raggi gamma“.

Di queste ore sono nuove dichiarazioni di Rossi, apparentemente non legate alle precedenti. L’obiettivo è rassicurare il pubblico sulla sicurezza del proprio reattore a fusione fredda:

  1. L’E-Cat è assolutamente sicuro e non emette assolutamente nessun tipo di radiazione nel luogo dove è posto: abbiamo fatto migliaia di ore di test. Potete installare in assoluta sicurezza un E-Cat nelle stanze di casa vostra;
  2. Non ci sarà nessun tipo di emissione gamma, ma a ogni modo il nostro pannello di controllo individuerà ogni tipo di radiazione eventuale e spegnerà l’E-Cat in caso si segnali qualsiasi tipo di radiazione nell’ambiente.

Come noterete – e come nota il sito pro Rossi E-Cat World – c’è un’apparente contraddizione fra queste dichiarazioni e quelle riportate in passato. All’interno dell’E-Cat c’è allora una schermatura che permette di non contaminare l’ambiente con i raggi gamma?

Il silenzio di Andrea Rossi su quanto accada veramente dentro il suo reattore ci costringe a limitarci a ipotesi. Certo, per un acquirente non sarebbe proprio la stessa cosa sapere di avere un reattore nucleare che non produce raggi gamma o sapere che esso sia semplicemente schermato. Una comunicazione chiara su tale punto, visto anche che i preordini sono aperti, sarebbe auspicabile.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea