E-Cat: primo reattore costruito da un partner di Rossi

E-Cat: primo reattore costruito da un partner di Rossi

Il partner americano di Rossi ha realizzato autonomamente un E-Cat seguendo le istruzioni fornite dall'ingegnere.

Andrea Rossi non è più indispensabile per costruire un E-Cat funzionante. Da tempo l’ingegnere sta affermando che i partner americani sono in grado di riprodurre il suo reattore a fusione fredda, ma ora ve ne sarebbe la conferma, arrivata proprio da Rossi:

Gli ultimi tre giorni sono stati di vacanza per molti (ndr Rossi si riferisce alle festività del 4 luglio negli Stati Uniti), ma per noi sono stati un periodo di grande lavoro durante il quale abbiamo scritto una pagina di storia per la nostra tecnologia: per la prima volta, un modulo di E-Cat, interamente prodotto dal nostro partner statunitense nella nuova fabbrica, è stato caricato con la carica realizzata dal CEO del nostro Partner, usando i materiali che gli abbiamo consigliato di comprare, preparare, manipolare, e trattare per realizzare le cariche, è stato assemblato, è stato isolato e ha iniziato le sue operazioni, e i risultati sono gli stessi di un E-Cat costruito da noi.

Questo evento significa che per la prima volta un E-Cat non costruito da me, non controllato da me, non caricato da me e non testato nella mia fabbrica, ma costruito da terze parti secondo le nostre istruzioni e conoscenze, ha funzionato regolarmente.

Si tratta di un passo fondamentale, che potrebbe fugare i dubbi sul reale funzionamento dell’E-Cat, anche più dei report di terze parti. Ma il tutto non è al momento verificabile da alcuno, e come sempre bisogna fidarsi delle parole di Rossi.

Non è noto chi sia questo partner americano, e non sono ovviamente note le procedure che Andrea Rossi ha trasmesso al partner per riprodurre un E-Cat funzionante. Basterebbe che venisse tolto il velo sull’identità del partner per poter verificare il tutto, ma ovviamente la segretezza regna sovrana quando si parla di E-Cat.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La via della leggerezza: intervista a Franco Berrino e Daniel Lumera