E-Cat: l’Hot Cat peserà una tonnellata

E-Cat: l’Hot Cat peserà una tonnellata

Peserà "soltanto" una tonnellata per un volume di appena 2 metri cubici, il misterioso Hot Cat di Andrea Rossi.

Dopo qualche giorno di silenzio, filtra finalmente qualche notizia dal misterioso mondo dell’E-Cat. Rispondendo ai soliti curiosi sul suo blog, l’ingegnere italiano Andrea Rossi ha, infatti, rivelato alcune caratteristiche dell’Hot Cat.

Per chi non lo ricordasse, stiamo parlando dell’E-Cat ad alta temperatura, quello cioè in grado di superare la soglia di 1000 gradi centigradi, ponendosi come soluzione industriale a basso costo per situazioni diverse da quelle della versione tradizionale e, soprattutto, proponendosi come fonte di energia credibile nella produzione di elettricità.

Le rivelazione di queste ore riguardano le dimensioni dell’invenzione. Il reattore a fusione fredda (ma appunto, non così “freddo”) dovrebbe essere contenuto in una scatola di 2 metri di lunghezza, 1 di altezza e 1 di larghezza. Insomma, ci attesteremmo a un volume complessivo di 2 m³, variabili, ovviamente, a secondo delle applicazioni concrete per cui l’impianto sarà costruito.

Rispetto al peso, Rossi è stato più prudente, limitandosi a dire che auspica resti sulla tonnellata. In pratica, l’hot cat avrà il peso di un auto non troppo grande e occuperà anche meno spazio. Dimensioni confortanti, che se confermate (insieme all’effettivo funzionamento del reattore) garantirebbero una grande flessibilità al prodotto.

Ovviamente, però,ribadiamo che si tratti di notizie rilasciate su un blog in maniera informale, anche se dallo stesso Andrea Rossi. Aspettiamo conferme ufficiali e qualche dettaglio in più da parte della Leonardo Corporation.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea