E-Cat: la richiesta di brevetto è stata respinta?

E-Cat: la richiesta di brevetto è stata respinta?

L'ufficio internazionale brevetti avrebbe trovato delle insufficienze nella domanda per l'E-Cat di Rossi, al quale resterebbero solo 4 mesi per rimediare.

Nubi all’orizzonte per Andrea Rossi: l’Ufficio Internazionale dei Brevetti avrebbe considerato inaccettabile, al momento, la richiesta di brevetto europeo per l’E-Cat, presentata dallo stesso ingegnere italiano. Questa rivelazione emerge da una scansione della lettera, circolata su Internet, con cui l’ufficio comunica le sue decisioni.

La lettera sarebbe opera del Dott. Prof. Franco Cicogna, della sede di Milano dell’ente, e il suo attacco è netto e preciso:

L’esame dell’applicazione ha rivelato che essa non possiede i requisiti della Convenzione Europea Brevetti.

I motivi di tale insufficienza sarebbero la scarsità delle informazioni date. L’E-Cat dovrebbe, secondo quanto dichiarato nella domanda dalla Leonardo Corporation, produrre energia e rame a partire da una reazione di fusione fredda a base di nichel.

Non ci sarebbero però evidenze di tali produzioni. In considerazione, poi, del fatto che il funzionamento del macchinario, da un lato, è strettamente collegato alla presenza di un catalizzatore segreto la cui natura non è rivelata neanche nella domanda di brevetto e, dall’altro, che tale previsto funzionamento violerebbe le leggi scientifiche al momento approvate dalla maggioranza della comunità, non ci sarebbero le evidenze per decretare una qualsiasi utilità all’applicazione presentata.

Qualcuno fa notare che, sulla base di come è descritta, la domanda di Rossi dovrebbe risalire a molto tempo fa. È, infatti, noto come Rossi abbia modificato le sue convinzioni attorno alla fusione fredda nichel-idrogeno come motore dell’E-Cat. a ogni modo, resta il fatto che se in 4 mesi, la Leonardo Corporation non dovesse presentare una domanda compilata secondo i criteri richiesti, l’ufficio sarà costretto a rifiutarla definitivamente.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea