E-Cat: la ricarica durerà più di 6 mesi

E-Cat: la ricarica durerà più di 6 mesi

Andrea Rossi rivel alcune caratteristiche delle ricariche dell'E-Cat che, a suo dire, potrebbero già durare ben più di 6 mesi.

Andrea Rossi è stato prodigo di novità in questi giorni dal suo blog. Nonostante avesse fatto capire di non voler rilasciare interviste, sarebbero troppi gli impegni in questo momento, continua a dialogare con la comunità tramite il proprio media preferito, da cui confessa di prendere spunto per nuove idee e nuovi stimoli.

Le rivelazioni, che riguardano ovviamente l’E-Cat, vertono precisamente sulle ricariche del reattore a fusione fredda. In molti si sono chiesti come mai una ricarica duri solo 6 mesi se il livello di trasformazione della materia è molto basso. Altri competitor, come Brillouin, dichiarano in questo senso durate più lunghe.

La risposta di Andrea Rossi è stata coerente con l’atteggiamento tenuto fin’ora. L’ingegnere ha spiegato che lui e il suo staff preferiscono tenere un atteggiamento prudente (letteralmente “conservative”) nei confronti delle potenzialità del reattore LENR. Già oggi una ricarica dopo 9 mesi di utilizzo è ancora perfettamente utilizzabile, così come il COP può essere portato oltre soglia 11, ma viene volontariamente limitato del 30% rispetto alle sue possibilità.

Sulla base di una certa mancanza di informazioni e di ricerche ancora in corso la suddetta prudenza ha, infatti, suggerito a Rossi e ai suoi di non portare a esasperazione il macchinario, così come non lasciare per più di 6 mesi la stessa ricarica. Questo nonostante dopo tale lasso di tempo non si registri alcun calo prestazionale del reattore.

In molti si sono poi chiesti: ma il contenitore con la ricarica vecchia che fine farà? Rossi ha chiarito che provvederanno a un riciclaggio del materiale, certamente una buona notizia dal punto di vista ecologico.

Fonti:EcatReport

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea