E-Cat industriale: 10 mila euro annui per la manutenzione

E-Cat industriale: 10 mila euro annui per la manutenzione

Rossi rivela i prezzi della manutenzione per il suo reattore a fusione fredda, svelando anche altri dettagli sui costi.

Come saprete, la versione da 1 MW termico dell’E-Cat è già in commercio. Come ci ha rivelato poco tempo fa in un’intervista lo stesso Andrea Rossi, ordinandolo lo si dovrebbe “ricevere” in quattro mesi. Ovviamente, trattandosi di un sistema industriale le cose sono un po’ più complesse di una semplice consegna: l’installazione e la manutenzione del macchinario sarebbero a carico di specialisti messi a disposizione dalla Leonardo Corporation. E dato che parliamo di un reattore nucleare vero e proprio, anche se a fusione fredda, ciò ha anche un suo senso.

Ma quali sono i costi attuali di questa invenzione? Attualmente serve un milione di euro, più 10 mila annui in media per la manutenzione (e crediamo la ricarica). Andrea Rossi avrebbe poi rivelato che dopo il processo di industrializzazione della produzione, il costo dell’impianto potrebbe scendere del 90%, attestandosi a circa 100 mila euro (stando a quanto riportato dal Corriere della Sera). Dichiarazioni interessanti, perché oltre ad infiammare le platee di fan, di fatto scoraggiano qualsiasi investitore stesse pensando di acquistare ora uno di questi reattori: meglio aspettare.

Ovviamente, ancora oggi Rossi va ripetendo che per quanto riguarda la versione domestica e popolare dell’E-Cat dovremo aspettare. In dirittura d’arrivo, ed anche questa non è una novità, invece il cugino caldo, quell’Hot Cat che promette di raggiungere temperature tali da permettere una produzione ottimale di energia elettrica.

Detto questo, Rossi ha rilevato che a livello manutentivo non ci saranno particolari differenze fra E-Cat termico ed Hot Cat. I “gatti” della Leonardo corporation insomma invadono il mercato, ma molto timidamente. Suggerendo sotto voce che, forse, conviene aspettare prima di acquistarli… tanto rumore per nulla?

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea