E-Cat: il fallimento dei test è colpa degli svedesi per Rossi

E-Cat: il fallimento dei test è colpa degli svedesi per Rossi

Andrea Rossi difende la propria creatura dalle critiche sui risultati fallimentari di uno dei test sull'Hot-Cat.

Andrea Rossi non ci sta e torna a difendere il proprio E-Cat, anzi nello specifico la variante ad alta temperatura comunemente chiamata Hot-Cat. La storia è nota: un’azienda svedese, la Hydro Fusion, non sarebbe stata convinta della bontà del reattore e della sua capacità di produrre energia elettrica.

Questo ipotetico fallimento ha portato l’ingegnere italiano a dare la sua versione dei fatti, fondamentalmente poco lusinghiera nei confronti della professionalità del team svedese.

Intanto quest’ultimo sarebbe rimasto negli stabilimenti della Leonardo Corporation soltanto per 4 ore, lasciandoli prima del raggiungimento della situazione ottimale da parte del reattore. Inoltre, gli strumenti per la misurazione dell’energia usata dagli esperti della Hydro Fusion sarebbero stati calibrati male, tanto da misurare la produzione di Watt di una lampadina da 80 W come una da 200 W (c’è da dire che probabilmente erano semplicemente tarate per misurare ordini di grandezza decisamente superiori).

Ad ogni modo, i test continuano e Rossi, che dichiara di lavorare 16 ore al giorno al progetto, conta di terminare tutto e arrivare all’Hot-Cat definitivo per novembre. Vedremo.

Fonti: ECatWorld

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea